Gli rubano la bici a Marghera, il tam tam su Facebook gliela ritrova

Un giovane ciclista il giorno di Pasqua si è ritrovato "ripulito" del velocipede verde acceso fuori da un pub. Si è affidato a "Sos Mestre"

La bici rubata e ritrovata

Del resto con quel colore verde sgargiante non poteva passare inosservata. Un giovane ciclista, però, deve ringraziare il tam tam su Facebook se dopo appena due giorni è tornato in possesso del maltolto. Il giorno di Pasqua, infatti, aveva lasciato il velocipede all'esterno di un noto pub di Marghera giusto il tempo per un aperitivo e due chiacchiere. Uscito fuori dal locale, però, la bicicletta da corsa non c'era più. Mentre un giovane a quanto pare residente nella città giardino, secondo testimoni, sarebbe stato visto scappare poco prima dal luogo del furto.

Oltre a depositare denuncia al commissariato locale, però, il giovane ha deciso di affidarsi anche ai social network. La segnalazione del velocipede è stata quindi postata anche sulla bacheca del gruppo "Sos Mestre", sottolineando come il bottino oltre al valore materiale (di certo non indifferente) aveva anche un importante valore effettivo. E' quindi scattata la gara di solidarietà, che ha portato in alcune ore all'individuazione della bicicletta sparita. Era stata acquistata da un altro giovane che, venuto a sapere come il proprio mezzo fosse provento di furto, ha deciso di riconsegnare il maltolto al legittimo proprietario. Permettendogli di iniziare il periodo post pasquale con un "lieto fine".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Bomba day: 3.500 persone da evacuare e blocco viabilità. Ecco le vie interessate

  • Dramma a Venezia: uomo si toglie la vita lanciandosi dalla finestra

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

  • Preso l'uomo che si aggirava con un coltello tra le calli di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento