rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Portogruaro / Lison

Portogruaro, razziata azienda vinicola: "La terza volta in pochi mesi, basta"

Luigino Benotto, titolare della ditta, chiederà di trovare una soluzione ai carabinieri. Nella notte trafugati 150 cartoni da 6 bottiglie di vino, 20 quintali di gasolio e vari attrezzi da lavoro

"E' la terza volta in un anno che mi rubano nell'azienda, ora basta". Luigino Benotto non sa più cosa fare. La prima volta i ladri gli portarono via prosecchi, vini, attrezzatura e gasolio per 50mila euro. In quel caso avevano divelto il pesante portone d'ingresso con un furgone in corsa, per poi, in una notte di pioggia, fare razzia. In seguito una seconda "visita" indesiderata. Ora un nuovo "raid" di notevoli dimensioni. Stanotte. Se la prima volta i ladri erano penetrati, in maniera rischiosa, dall'ingresso principale, stavolta hanno aggirato l'ostacolo, raggiungendo magazzino delle bottiglie e cisterna del gasolio dai campi. Sono ben visibili, infatti, i segni lasciati dai pneumatici di due furgoni che passano attraverso i filari delle viti.

"Chiederò di trovare una soluzione di concerto con i carabinieri - continua il titolare, che parla dalla sede principale della sua azienda agricola a Valdobbiadene - Hanno rotto tutti i lucchetti che c'erano sulla porta del magazzino e poi hanno avuto il tempo di portarsi via tutto. Del furto se n'è accorto un dipendente stamattina, quando ormai era troppo tardi".

 

Ancora da quantificare il valore del bottino: trafugate 150 confezioni da sei bottiglie di vino locale e prosecco, 20 quintali di gasolio e degli utensili da lavoro. Una cifra che il titolare stima in circa 20mila euro. "Ma ora basta", conclude Benotto sconsolato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portogruaro, razziata azienda vinicola: "La terza volta in pochi mesi, basta"

VeneziaToday è in caricamento