menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentano il furto in appartamento a Chioggia, vicino placca il ladro. Complice in fuga

È successo sabato pomeriggio. A finire in manette un 18enne di origine serba, trovato in possesso di cacciavite, chiave inglese e altri oggetti da scasso. Il secondo ladro è scappato

Era entrato in un'abitazione, mettendo a segno un colpo da maestro. Nel pomeriggio di sabato gli agenti delle volanti della polizia di Chioggia hanno arrestato un 18enne di nazionalità serba che si era reso protagonista di un furto in casa con l'aiuto di un complice, poi riuscito a fuggire prima di essere catturato. L'accusa è di rapina impropria.

A lanciare l'allarme alle forze dell'ordine è stato un vicino di casa, che aveva sentito degli strani rumori provenire dall'appartamento attiguo al proprio. Di qui la chiamata al 113, sospettando si potesse trattare di un qualche ladro che si stava intrufolando nell'abitazione dei propri dirimpettai. Guardando dallo spioncino della propria porta d'ingresso il giovane ha avuto la conderma: ha visto infatti due persone intente ad "armeggiare" proprio davanti all'ingresso dei vicini.

In quell'istante, il padre del ragazzo che poco prima aveva lanciato l'allarme, mentre stava tornando a casa, si è imbattuto in uno dei due delinquenti sul pianerottolo. Dimostrando coraggio, ha cercato di bloccare il topo d'appartamento, ma a seguito di una breve colluttazione è stato spinto a terra dal ladro, che è poi riuscito a darsi alla fuga. Meno fortuna ha avuto il complice, che uscendo dall'appartamento si è ritrovato di fronte il condomino, che in questa circostanza è riuscito a placcare il malvivente fino all'arrivo della polizia.

Giunti sul posto, gli agenti hanno preso in consegna il ladro, procedendo con la perquisizione personale, a seguito della quale hanno trovato in possesso del diciottenne un cacciavite a taglio di 16 centimetri, una chiave inglese di 20 e altri attrezzi idonei allo scasso. Arrestato e a disposizione dell'autorità giudiziaria, è stata condotto in carcere a Santa Maria Maggiore a Venezia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento