menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scorzè, ladri dal palato fine mettono le mani su circa 80 chili di caviale di alta qualità

Il colpo è stato perpetrato a dicembre in una ditta di import di Gardigiano. La maggior parte della refurtiva è stata recuperata in un magazzino di un'azienda di trasporti del Vicentino

Ladri buongustai. O comunque consci che di fronte a certi alimentari la richiesta al mercato nero si impenna. Devono avere pensato questo i delinquenti che verso metà dicembre hanno messo a segno un maxi furto ai danni di una ditta di Gardigiano di Scorzé, la Caviar Import srl. Il proprietario aveva denunciato alle forze dell'ordine l'incursione, ma forse in cuor suo aveva ormai perso le speranze di recuperare, almeno in parte, i circa 60 chili di caviale che gli erano stati sottratti da una batteria di ladri. Non è stato così. Gli agenti del commissariato di Bassano del Grappa, infatti, sabato scorso sono riusciti a scovare una quarantina di barattoli contenenti il pregiato prodotto.

Si tratta di confezioni dal valore singolo che può raggiungere anche i mille euro, vista la qualità del caviale. Non certo un "tarocco". Il carico è stato individuato in un capannone industriale di un'azienda di trasporti di Cassola, sempre in territorio berico. E' bastato controllare denunce e documentazioni per capire la sua probabile provenienza illecita. Il proprietario del capannone a quanto pare sarebbe del tutto estraneo alla vicenda e, anzi, avrebbe fornito un contributo importante alle indagini. Parte della refurtiva, circa un quinto, mancherebbe all'appello: con ogni probabilità già rivenduta sottobanco a qualche ristoratore o commerciante compiacente. Le indagini, in ogni caso, continuano. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento