rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Cronaca Mirano

Colpo al deposito del Summer festival, rubata l'attrezzatura per i concerti

Sparito materiale per oltre 20mila euro da un magazzino a Mirano. Il patron Favaretto: «Ripartiamo da zero ma ce la faremo, presto annunceremo i primi nomi della prossima edizione»

I ladri sono entrati in azione probabilmente nei giorni del Natale, ma il furto è stato scoperto solo il 30 dicembre. Un colpo pesante messo a segno in un capannone nella zona industriale di Mirano, che l'associazione Volare utilizza come magazzino per l'attrezzatura del Summer Festival. «Eravamo andati al deposito a prelevare il materiale per l'ultimo dell'anno - racconta il patron Paolo Favaretto -. Al momento di aprire, però, abbiamo scoperto che la serratura del portone era stata scassinata e abbiamo capito di avere subìto un furto».

All'interno, le tracce evidenti del passaggio dei ladri. «Hanno portato via computer, cavi elettrici, telecamere, varie attrezzature tra cui due casse amplificate - spiega l'imprenditore -. Difficile quantificare il valore totale della merce, ma il danno potrebbe aggirarsi attorno ai 20mila euro». Secondo Favaretto, i ladri hanno agito indisturbati: «È un posto isolato, di là non passa nessuno e non ci sono telecamere. Hanno preso tutto ciò che potevano caricare in una macchina o in un furgone». Dopodiché si sono dileguati.

Evidente l'amarezza per l'episodio, che ha rischiato di compromettere lo svolgimento del prossimo Summer Festival. «È stato un brutto colpo, un momento di sconforto per tutti: per l'associazione, una cosa del genere significa ripartire da zero - commenta Favaretto -. Ma questo non ci ferma, siamo intenzionati ad andare avanti. Proprio in questi giorni stiamo chiudendo con i nomi principali dell'edizione 2023, che annunceremo a breve. Inoltre prenderemo provvedimenti per evitare che i furti si ripetano».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo al deposito del Summer festival, rubata l'attrezzatura per i concerti

VeneziaToday è in caricamento