menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pessimo biglietto da visita: arrivano in treno a Venezia, derubati di gioielli per 60mila euro

Il furto verso le 13.30 di domenica. Una 72enne bergamasca stava aspettando il vaporetto col marito davanti alla stazione. Una borseggiatrice si è impossessata del loro beauty-case

Il soggiorno veneziano non poteva iniziare in modo peggiore per loro. Hanno fatto solo pochi passi e subito sono stati derubati di quanto avevano con sé. Solo che stavolta per le borseggiatrici che "lavorano" facendo la spola tra la stazione ferroviaria di Santa Lucia e gli imbarcaderi situati nel piazzale antistante non è stato un furto come un altro.

Stavolta hanno fatto il "colpo grosso", impossessandosi di gioielli per circa 60mila euro. E' accaduto nel primo pomeriggio di domenica, verso le 13.30: una 72enne residente nel Bergamasco raggiunge la laguna in treno in compagnia del marito. La coppia esce dallo scalo e raggiunge l'imbarcadero della linea 1, a poca distanza. In attesa del vaporetto, l'uomo decide di appoggiare un beauty-case rosso per terra. Evidentemente era già nel mirino di una "manolesta", la quale ha fiutato l'occasione. Quando è arrivato il momento di salire a bordo dell'imbarcazione Actv, infatti, il marito della 72enne si è accorto che il bagaglio era sparito nel nulla. Qualcuno se l'era preso in un momento di disattenzione.

Il problema è che all'interno c'erano i gioielli in oro della consorte, per una valore di decine di migliaia di euro. A quel punto è stata informata dell'accaduto la polizia ferroviaria, che subito ha avviato le ricerche. Nel corso degli accertamenti due turisti cinesi avrebbero dichiarato di aver visto una giovane donna, vestita in modo "zingaresco", che aveva allungato la mano e si era impossessata del beauty-case, allontanandosi subito dopo in direzione della stazione dei treni. Ogni dubbio su cosa fosse accaduto è stato fugato nel momento in cui la borsa è stata individuata a terra, vuota, non distante dalla libreria "Giunti al Punto", in fondamenta Santa Lucia.

Di collane, bracciali, orecchini e quant'altro nessuna traccia. Ai derubati non è rimasto altro che presentare denuncia dell'accaduto alle forze dell'ordine. Nella consapevolezza di non aver ricevuto un biglietto da visita all'altezza nella città lagunare. Il problema dei borseggiatori nei luoghi di maggiore transito a Venezia è noto: si susseguono denunce e arresti, ma per ora la piaga è ancora presente. E puntuale si ripresenta con ogni stagione turistica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Attualità

Federica Pellegrini stasera al Festival di Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento