Cronaca Mestre Centro / Via Rosa

Chiedono la carità e rubano una borsa, furto in un locale di via Rosa

Tre romeni, giovedì sera, avrebbero creato una piccola bagarre in una piadineria di via Rosa approfittando del caos per scippare una ragazza

Sono bastati pochi istanti di confusione, opportunamente orchestrati per confondere e distrarre gestori e clienti del locale, e dal bancone di una piadineria di via Rosa è sparita una borsetta. L'episodio è avvenuto giovedì sera, a Mestre. Vittima una ragazza che si stava dirigendo in stazione, protagonisti i soliti mendicanti invadenti (e, a quanto sembra, criminali) che da mesi spadroneggiano tra Corso del Popolo e piazza Ferretto.

VIDEO: SOTTO IL CAVALCAVIA SI ANNIDA IL DEGRADO

AUTOBUS PRESO IN OSTAGGIO DAI "BARBANERA"

BUTTAFUORI IN CHIESA, QUALCUNO GRIDA AL RAZZISMO

ELEMOSINA E FURTI – Mancava poco alla mezzanotte quando, come riporta la Nuova Venezia, una giovane è entrata nel locale a pochi passi da piazzale Donatori di Sangue e ha ordinato qualcosa nell'attesa di ripartire alla volta della stazione, dove la aspettava un treno per Roma. La ragazza appoggia la borsa sul bancone mentre aspetta la sua ordinazione, ma non passa molto tempo che nella piadineria entrano tre romeni, un uomo e due donne, già noti ai residenti della zona per passare le serate dalle parti di riviera XX Settembre. I tre iniziano a domandare la carità, stringendosi attorno ai clienti, e i gestori sono costretti ad intervenire per “spezzare” l'assedio dei mendicanti. Ne seguono attimi di confusione: l'uomo, quasi in sordina, lascia il locale, mentre le due donne continuano ad insistere chiedendo l'elemosina e scatenando una piccola bagarre davanti al bancone. Quando anche le due romene lasciano la piadineria di via Rosa, dietro le richieste sempre più dure dei presenti, sembra tutto finito. Ma ci vorrà ancora qualche istante perché la ragazza entrata nel locale alle 23.30 si accorga che dal bancone è sparita la sua borsa contenente documenti, denaro e biglietti per il treno.

LINEA DURA DELLA PREFETTURA: SGOMBERI E FOGLI DI VIA

I "BARBANERA" SGOMBERATI DA VIA CA' MARCELLO

VIDEO: TORNA IL DEGRADO IN VIA DELLA PILA

MOBILITAZIONE GENERALE – Immediatamente i titolari del locale e la giovane derubata si gettano in strada, alla ricerca dei mendicanti che sono immediatamente additati come i colpevoli del furto. La dinamica d'altronde pare evidente: mentre le due donne distraevano i presenti l'uomo avrebbe fatto sparire la borsetta, dileguandosi poi il più rapidamente possibile. Scatta la caccia all'uomo per le strade di Mestre, mentre il vociare attira altre persone che si uniscono alle ricerche e qualcuno allerta la polizia, che fa intervenire una volante di Santa Chiara. Gli agenti raccolgono la descrizione della refurtiva e dei presunti ladri, ma sembra che i tre si siano volatilizzati. Un'altra romena viene fermata in Riviera, ma è un buco nell'acqua: non si tratta di una delle due donne responsabili del “diversivo”. Niente da fare, quindi, per la ragazza, che deve rinunciare alla speranza di ritrovare la borsetta. Tra i residenti della zona però monta la rabbia, e dopo questo ennesimo episodio di microcriminalità c'è chi promette di farsi giustizia per i fatti suoi. Ormai il centro di Mestre è una polveriera e alla prossima scintilla la situazione potrebbe degenerare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiedono la carità e rubano una borsa, furto in un locale di via Rosa

VeneziaToday è in caricamento