menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una spaccata "a metà" nel negozio di bellezza. 2mila euro la refurtiva

È successo nella notte di mercoledì, nel sestiere di San Polo. Il vicinato e una guarda giurata casualmente sul posto hanno reso meno ingente il furto

Un furto nella notte, l’ennesimo. La prima volta era successo lo scorso marzo, il secondo nella notte di mercoledì. I ladri, o meglio il ladro, hanno preso di mira il Cad di Venezia, negozio di profumi e prodotti di bellezza, nel sestiere di San Polo, poco dopo l’una.

Il modo di operare è stato il medesimo della volta precedente. Il malvivente ha forzato la saracinesca e la porta automatica, già rinforzati a seguito della prima spaccata, intrufolandosi nel negozio e facendo razzia di prodotti, messi all’interno di alcuni sacchi neri. Ma il colpo è andato a segno solo parzialmente.

Il vicinato, infatti, è stato indispensabile per aiutare la responsabile del negozio, subito contattata per informarla che qualcosa, nel punto vendita, non andava. Allertate le forze dell'ordine, il sistema di allarme ha fatto il resto. Il malvivente ha infatti preso i sacchi ed è fuggito in fretta e furia, incappando in una guardia giurata che si trovava casualmente sul posto. E grazie alle urla del gestore di un bar poco vicino - “È un ladro, è un ladro!” avrebbe urlato - la guardia l'ha individuato, cercando di fermarlo. Senza successo, però. In ogni caso, nella fuga disperata il malvivente ha dovuto alleggerirsi, lasciando parte dei sacchi in terra, riuscendo comunque a scappare con una refurtiva, secondo le prime stime, di un valore pari ai 2mila euro.

La merce recuperata è stata consegnata poi ai carabinieri del nucleo natanti di Venezia, giunti sul posto quando il ladro si era già dileguato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento