Due condanne per il furto a Palazzo Ducale

Cinque e sei anni rispettivamente a Tomic e Mladenovic per il furto messo a segno nel gennaio 2018. Respinte le richieste di patteggiamento dei tre complici

Per il furto dei gioielli del Maharaja in mostra a Palazzo Ducale avvenuto il 3 gennaio del 2018 il giudice ha condannato i due principali imputati Vinko Tomic e Dragan Mladenovic rispettivamente a 5 anni e quattro mesi e a 6 anni di reclusione. Sono state respinte le richieste di patteggiamento fatte dagli altri tre imputati, Zelimir Grbaved, Zvonko Grgic e Vladimir Durkin, perché ritenute incongrue rispetto al danno fatto. I legali degli imputati hanno annunciato che presenteranno ricorso in Appello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "furto del secolo"

La banda, al terzo tentativo, aveva sottratto alcuni gioielli milionari in mostra sfruttando l'occasione dell'ultima giornata di esposizione della mostra "Tesori del Moghul e del Maharaja" dedicata alla collezione privata dello sceicco Hamad Bin Abdullah Al Thani, membro della famiglia reale del Qatar. I cinque, di nazionalità serba e croata, sono stati catturati a novembre 2018 dalla polizia croata e successivamente estradati in Italia per essere processati. Della refurtiva non è mai stata trovata traccia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento