Cronaca Via della Costituzione

Spinea, interi quartieri rischiano il black out per furti di rame

I carabinieri sorprendono tre ladri, tra cui un 20enne, in una cabina dell'Enel che serve tutta la linea ferroviaria: hanno rischiato di fulminarsi

Più pattuglie su strade e centri abitati anche il Primo Maggio. E in un solo giorno, i carabinieri sono riusciti ad arrestare quattro ladri in due servizi diversi. Il primo, in ordine di tempo riguarda la mattinata di ieri, quando i militari della Stazione di Spinea hanno fermato tre persone, due veneziani ed uno straniero originario di Capo Verde, sorpresi a rubare all’interno di una cabina di smistamento primario dell’Enel che serve la locale linea ferroviaria. Non potevano sapere che proprio su questo tipo di strutture, come nei cimiteri, erano stati aumentati controlli e vigilanza, proprio per scongiurare ulteriori furti di rame.

Il gruppo di ladri è stato sorpreso proprio mentre cercava di portare via cavi metallici dall’interno della cabina. In manette, in flagranza di reato, sono così finiti un 23enne capoverdiano, un 32enne mestrino e un 35enne spinetense. L'intervento dei carabinieri è servito tra l’altro ad evitare il black-out sulla linea elettrica servita della cabina Enel, e di lasciare quindi al buio interi quartieri.


Il secondo arresto per furto, è invece avvenuto ieri sera, in via della Costituzione a Spinea, da parte dei militari di Mirano. Anche in questo caso i ladri sono stati sorpresi in flagranza di reato, mentre stavano prosciugando il gasolio contenuto nel serbatoio di un tir, parcheggiato nel piazzale del distributore di benzina. Solo uno di loro, però è stato acciuffato, dato che il complice è riuscito a darsela a gambe non appena aveva notato i lampeggianti. In carcere è così finito un 40enne di origine romena con le mani ancora sporche di gasolio e cacciavite in tasca.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spinea, interi quartieri rischiano il black out per furti di rame

VeneziaToday è in caricamento