rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca Jesolo

Centro Tim senza pace, ennesimo colpo la settimana dopo: in fuga con cellulari e soldi

Ad accorgersi del colpo al punto vendita di via Bafile una pattuglia della vigilanza. Ladri entrati da una finestra, in fuga con la refurtiva. L'allarme del punto vendita non è scattato

Ennesimo colpo al punto vendita Tim Evolution a Jesolo. Sono entrati in quattro, nella notte tra sabato e domenica, da un finestrone laterale di via Bafile, scardinando gli infissi con ogni probabilità con un piede di porco. Come nella precedente circostanza la batteria è andata in fuga arraffando quanti più smartphone possibili e rubando anche il fondocassa. La refurtiva, in fase di quantificazione, è la medesima della scorsa settimana, le modalità differenti: nella precedente circostanza, infatti, i ladri avevano sfondato la porta a vetri d'ingresso con un'automobile.

Dieci giorni fa: vetrina sfondata e razzia

Sul posto la Scientifica per i rilievi

Questa volta hanno voluto dare meno nell'occhio, evitando di insospettire i residenti, facendo irruzione da un "ingresso secondario". A scoprire il furto con effrazione è stato un agente in servizio della vigilanza, in giro di perlustrazione tra le abitazioni del posto, che ha poi lanciato la segnalazione al commissariato di polizia di Jesolo. Sul posto l'intervento degli agenti e della Scientifica, cui è spettato il compito di effettuare i rilievi di rito. Rimangono dei dubbi sulla modalità del furto, l'allarme del punto vendita, infatti, non è scattato.

Tentato furto alla Geox

Gli stessi ladri che hanno fatto razzia all'interno del punto vendita potrebbero essere gli stessi che hanno cercato di penetrare anche nell'adiacente negozio Geox. Nella circostanza, però, uno scaffale a parete avrebbe impedito ai banditi di entrare nei locali e fare il colpo. I banditi, quindi, si sono dovuti "accontentare" di un solo bottino tecnologico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centro Tim senza pace, ennesimo colpo la settimana dopo: in fuga con cellulari e soldi

VeneziaToday è in caricamento