menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fusione istituti per l'infanzia, la "Pietà" di Venezia incorpora "Casa paterna" di San Donà

Ufficializzata con decreto dalla giunta regionale del Veneto, pone fine al commissariamento dell'istituzione sandonatese e dà avvio ad un grande istituto pubblico di assistenza

"La Pietà" di Venezia, istituto provinciale per l’infanzia e l' "Opera Pia Casa Paterna" di San Donà di Piave sono un'unica istituzione, da mercoledì. La fusione, ufficializzata con decreto dalla giunta regionale del Veneto, pone fine al commissariamento della struttura sandonatese, fondata nel 1883, e dà avvio ad una grande Ipab (istituzione pubblica di assistenza all'infanzia) veneziana.

La nuova Pietà dispone di un patrimonio immobiliare di oltre 21 milioni di euro e conta tre comunità educative (delle quali una per mamme con bambini) con specifici servizi di ascolto e accoglienza protetta per minori in difficoltà, allontanati dalla famiglia.

“Con questa fusione – ha sottolineato l’assessore al sociale della Regione Veneto, Manuela Lanzarin, nel presentare l’operazione alla stampa con il vicepresidente della giunta Gianluca Forcolin, i vertici delle due Ipab e gli assessori al sociale di Venezia e San Donà di Piave – diamo avvio ad un processo virtuoso di razionalizzazione e sinergia tra due storiche istituzioni di assistenza e beneficenza. Un percorso che anticipa il disegno di riforma delle Ipab, obiettivo di questa legislatura, e che dà dimostrazione concreta di una regìa regionale, volta a mettere in rete i servizi, a contenere i costi e a sviluppare nuove modalità di accoglienza e accompagnamento per i minori soli o allontanati dalla famiglia".

“Oggi è un giorno importante per San Donà e per l'istituto della Casa Paterna che, finalmente, dopo anni di difficoltà economiche e di sbilanci, e superando resistenze e timori dell’amministrazione e della comunità sandonatese, si fonde con l'Istituto della Pietà di Venezia – ha evidenziato il vicepresidente della Giunta regionale, Gianluca Forcolin -  La fusione porterà maggior forza ed efficienza all’attività della Casa Paterna, consentendole di conservare il radicamento nel territorio. Ringrazio in particolare i due giovani commercialisti che dal 2014 si sono alternati, a titolo gratuito, alla guida commissariale di Casa Paterna, consentendo il risanamento dei bilanci e creando le premesse per la fusione”. 

Al "matrimonio" hanno preso parte il direttore generale dell’Ulss 4 del Veneto Orientale Carlo Bramezza e gli assessori alle politiche sociali del Comune di Venezia, Simone Venturini e di San Donà di Piave, Maria Grazia Murer.

L’Istituto provinciale La Pietà di Venezia conta attualmente due comunità educative: il Melograno (per 8 minori ) e Casa Primavera (per 5 mamme con figli), alle quali ora si aggiunge la comunità educativa di San Donà di Piave (8 minori) e relativo servizio di prima accoglienza (4 posti).

Negli anni il complesso di Riva degli Schiavoni ha sviluppato a Venezia ulteriori servizi per le famiglia in difficoltà e i minori: l’atelier pedagogico ‘Giardino della Pietà’, il centro per la Prima Infanzia rivolto alle famiglie del territorio, il servizio ‘Spazio neutro’ per favorire l’incontro dei genitori separati con i loro figli, ‘Culla segreta’ per le mamme in difficoltà,  ‘Ascolto protetto’ per tutelare i minori nelle procedure giudiziarie, oltre e percorsi formativi per i genitori e attività didattiche e culturali rivolte alle scuole e al territorio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento