menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La madrina Sofia Valleri al Carnevale

La madrina Sofia Valleri al Carnevale

Carnevale di Venezia, Cavalchina con madrina Sofia Valleri alla Fenice

Presentate stamattina le attività che il teatro ha organizzato nei prossimi giorni. Sabato 9 febbraio il Gran Galà, San Valentino con la Bohéme e il Barbiere di Siviglia al Malibran

L'amore di Mimì e Rodolfo, ne "La Boheme" di Giacomo Puccini, aprirà il 9 febbraio la sera del Gran Galà del Carnevale al Teatro "La Fenice", a Venezia. Un'apertura all'insegna di un'opera che è un inno alla fantasia e alla giovinezza, seppure sotto il segno tragico della morte della protagonista - "ma spesso nello opere liriche c'é qualcuno che muore" ha detto il sovrintendente Cristiano Chiarot - ma nel quadro di una serata che si svilupperà sotto il segno del divertimento, della spensieratezza con un ballo finale che oltre agli spazi del teatro veneziano avvolgerà anche l'esterno. "Fino a una certa ora - ha spiegato Chiarot - ospiti in abito di gala o mascherati potranno fare festa anche in campo San Fantin".

Un dialogo tra interno ed esterno che ben riassume lo spirito di un luogo che da anni opera per essere "uno spazio aperto ai veneziani e non". Nel corso della serata sarà anche assegnato il 'Cavalchina Award' a Laura Biagiotti, per il suo impegno a favore della città lagunare e del teatro lirico veneziano. Madrina della serata la veneziana Sofia Valleri. La Fenice per il Carnevale e la festa di San Valentino, il 14 febbraio, mette in campo una serie di eventi che spaziano dalle rappresentazioni del 'Barbiere di Siviglia' di Rossini, al Malibran, a spettacoli di danza. Per san Valentino cena esclusiva alle sale Apollinee, dopo la rappresentazione de "La Boheme" pucciniana.

LA MADRINA - Sofia Valleri, giovane modella mestrina, con le sue foto ha fatto letteralmente il giro del web con la sue fotografie hot: "La possibilità di essere qui e sorprendermi della bellezza che c'è a ogni angolo è bellissima - ha spiegato ai cronisti - La diamo spesso per scontata ma non è così".

GLI SPETTACOLI - Tantissimi gli spettacoli che La Fondazione Teatro La Fenice offre al suo pubblico nel periodo di Carnevale e San Valentino: tutti all’opera in maschera per un Gran Galà del Carnevale il sabato grasso, tre romanticissime serate all’opera con inclusa una cena esclusiva nelle Sale Apollinee per San Valentino, cinque recite di un teatralissimo Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini al Teatro Malibran, e due serate con il Complesso statale di danza «Gioventù del Daghestan» e il Gruppo folcloristico di canti e danze «Miras» al Teatro Malibran per chi fosse incuriosito dall’antica e colorata tradizione delle danze etniche russe.

SAN VALENTINO CON LA BOHEME - La conclusione del Carnevale sarà seguita, giovedì 14, venerdì 15 e sabato 16 febbraio 2013, da tre serate dedicate agli innamorati che vorranno dirsi in musica, a Venezia, "Sei il mio amore e tutta la mia vita". Per un San Valentino diverso, e molto romantico, la Fenice propone infatti La bohème seguita da una cena esclusiva alle Sale Apollinee. Le tre serate, che avranno come sponsor tecnico l’Azienda Bisol di Valdobbiadene, inizieranno alle 19.00 giovedì 14 e venerdì 15, e alle ore 15.30 sabato 16. I biglietti (opera più cena) sono in vendita a prezzi compresi tra i 65 e i 240 euro. Per informazioni e prenotazioni call center Hellovenezia 041.24.24 e www.teatrolafenice.it.

BARBIERE DI SIVIGLIA - Gli innamorati dell’opera potranno durante il periodo di Carnevale deliziarsi anche di un teatralissimo Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini al Teatro Malibran, diretto da Stefano Rabaglia con la regia di Bepi Morassi e il tenore Maxim Mironov, il soprano Chiara Amarù e il baritono Vincenzo Taormina nei ruoli di Almaviva, Rosina e Figaro (25 gennaio - 8 febbraio 2013). E per gli estimatori della danza tradizionale russa, il Teatro Malibran offrirà lunedì 11 febbraio alle ore 20.00 e il martedì grasso 12 febbraio alle ore 16 due coloratissimi spettacoli rispettivamente del Complesso statale di danza «Gioventù del Daghestan» e del Gruppo folcloristico di canti e danze «Miras» della Repubblica del Baškortostan.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento