menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

All’Accademia tornano i tre Bosch: insieme per la prima volta dopo il restauro

Il Trittico di Santa Liberata e le Visioni dell'Aldilà rientrano a Venezia per la prima volta insieme al Trittico degli Eremiti. Le retrospettive all'estero hanno totalizzato 1 milione di visite

Sono tornati a Venezia anche il Trittico di Santa Liberata e le Visioni dell’Aldilà, ora all’interno del percorso espositivo delle Gallerie dell’Accademia accanto al Trittico degli Eremiti. I tre polittici di Jheronimus Bosch appartenenti alle collezioni delle Gallerie sono esposti insieme per la prima volta dopo il restauro che li ha riportati a una condizione di grande luminosità e vividezza e potranno essere ammirati fino al 10 febbraio 2017. A seguire saranno parte di una mostra a Palazzo Ducale co-prodotta dalla Fondazione Musei Civici di Venezia e dalle Gallerie dell’Accademia.

Le tre opere sono state tra le protagoniste di Jheronimus Bosch - Visioni di un genio, la più grande retrospettiva mai dedicata al pittore olandese, organizzata tra febbraio e maggio a Den Bosch in occasione dei 500 anni dalla sua morte, per la quale le Gallerie sono state l’unico museo italiano tra i prestatori. Il Trittico di Santa Liberata e le Visioni sono ora di ritorno dalla mostra El Bosco. La exposición del V centenario al Museo del Prado, che si è conclusa a fine settembre. Le due opere erano state esposte al pubblico delle Gallerie dell’Accademia in anteprima, a conclusione del restauro, dal 16 gennaio al 7 febbraio scorsi, per poi appunto viaggiare in Olanda e successivamente in Spagna. Il Trittico degli Eremiti, che aveva richiesto l’intervento più delicato e lungo, dopo la mostra a Den Bosch è tornato a Venezia a metà maggio. Da febbraio a oggi è comunque rimasta allestita nella sala XXIII del percorso museale lagunare una postazione multimediale che propone alcune fasi salienti del restauro attraverso immagini e video e che ora vede riuniti i tre capolavori.

Un interesse, quello nei confronti del grande artista olandese, confermato anche dai numeri. Sono stati più di un milione i visitatori delle due retrospettive: oltre 400.000 i visitatori della mostra a Den Bosch, con aperture straordinarie notturne, e più di 500.000 i visitatori della mostra a Madrid. Anche grazie alla mostra veneziana organizzata tra gennaio e febbraio e dedicata a Bosch, le Gallerie dell’Accademia hanno registrato un aumento del 15% nel numero dei visitatori e del 20% negli incassi nei primi quattro mesi del 2016, rispetto allo stesso periodo del 2015.

I tre capolavori di Jheronimus Bosch della collezione veneziana rappresentano momenti significativi della produzione del pittore olandese, caratterizzata da suggestivi racconti fiabeschi che, attraverso pennellate di colore e tocchi di luce, ha dato vita a visioni oniriche, fantastiche e irreali, talvolta angosciose, talvolta tormentate, innegabilmente uniche, prodotto di una peculiare interpretazione della realtà che rimane ancora un mistero.
Il restauro dei tre polittici, iniziato nel 2013, è stato interamente realizzato a Venezia, nel laboratorio di restauro alla Misericordia da un team formato da esperti italiani e olandesi, per il restauro conservativo dei retri affiancati da due giovani restauratori - uno ceco e uno olandese - selezionati per la formazione. Sono state sfruttate le più avanzate tecniche di diagnosi e intervento, grazie ai finanziamenti del BRCP - Bosch Research and Conservation Project e della Getty Foundation di Los Angeles all’interno di Jheronimus Bosch 500, il programma internazionale di celebrazioni che per tutto il 2016 propone appuntamenti culturali e scientifici per ricordare il genio olandese.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento