menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sgominato giro di gasolio low cost Una azienda di Marghera nei guai

I camion della ditta di imballaggi riempivano le taniche nei paesi slavi per poi tornare in Italia. Il tutto finiva in una cisterna dello stabilimento

Come chi si trova vicino al confine in Paesi in cui la benzina costa meno e decide di fare il pieno. Solo che loro lo facevano a livello "industriale". In modo illegale. Per questo una nota ditta di imballaggi di Marghera è finita ne mirino della guardia di finanza, che nei giorni scorsi ha sequestrato una pompa di gasolio e una cisterna da 8mila litri nel piazzale dello stabilimento. Lì, infatti, i camionisti potevano riempire i propri serbatoi a prezzi concorrenziali (circa 1,5 euro per litro).

Come mai? La ditta in questione, che opera anche all'estero, aveva pensato bene di mettere su un mercato nero del carburante. Ogni qual volta i propri camion operavano nei paesi della Ex Jugoslavia (dove i contatti erano frequenti) il mezzo pesante faceva ritorno in Italia "libero" del proprio carico da consegnare, ma zeppo di gasolio. Faceva il pieno e riempiva anche ulteriori cisterne predisposte per l'occasione. Una volta tornato in sede, poi, il tutto finiva nella cisterna. Guadagno per tutti: per chi ha architettato la vendita illegale e per chi si riforniva.

Peccato che operando in questo modo non si pagano le accise e l'Iva e quindi si evade il Fisco. Anche per questo i prezzi potevano essere concorrenziali. La guardia di finanza, insospettita dal continuo andirivieni di mezzi privati e raggiunta da alcune segnalazioni, ha quindi deciso di vederci chiaro. Finché il sistema non è venuto a galla. Il rappresentante legale della ditta è stato denunciato per i reati di contrabbando e sottrazione fraudolenta all'accertamento o al pagamento dell'accisa sugli oli minerali. Ai sequestri e alle denunce si aggiungono anche le multe per aver posizionato un deposito di materiale infiammabile senza autorizzazione. Il giro di "gasolio low cost", di cui erano a conoscenza molte persone ma "fidate", è stato quindi bloccato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Mestre

Avviata la riqualificazione di piazzale Cialdini con il nuovo ponte sull'Osellino

Attualità

Giorno della Memoria 2021: il calendario delle iniziative

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento