Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca San Marco / Piazza San Marco

Dopo le polemiche arriva anche il Gay Pride a incendiare la laguna

Il corteo, a carattere regionale, a fine giugno. Non passerà inosservato per chi ha osteggiato le "favole gay" e difende la famiglia tradizionale

Un gay pride regionale in laguna. A Venezia. Per i diritti di gay, lesbiche, transgender, bisex. Dopo l'introduzione del termine "genitore 1 e genitore 2" nei moduli di iscrizione dei bambini nelle scuole per l'infanzia, dopo la polemica sui libri "anti-discriminazione" che ancora non si sa se verranno distribuiti negli istituti lagunari, è stato naturale per le associazioni Lgbt indicare la città come sede del loro "Onda Pride", come viene chiamato.

Come riporta la Nuova Venezia, le iniziative del consigliere delegato Camilla Seibezzi hanno conquistato, fomentando polemiche tra pro e contro, la ribalta nazionale. Visti gli insulti rivolti alla consigliera sui social network e le manifestazioni di chi difende la famiglia tradizionale, la decisione iniziale di portare il corteo arcobaleno nel Vicentino sembra essere stata cambiata in corsa. Puntando dritti in laguna a fine giugno. Per mostrare a tutti che problemi di rappresentanza e di diritti civili ci sono in ogni regione. In ogni città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo le polemiche arriva anche il Gay Pride a incendiare la laguna

VeneziaToday è in caricamento