Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca Mestre Centro / Via Alessandro Poerio

Una giornata di dialoghi sulla violenza di genere, «piaga aggravata nei mesi della pandemia»

È l'iniziativa in programma nel chiostro M9 di Mestre mercoledì 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne

La presentazione dell'evento

Mercoledì il chiostro di M9, a Mestre, sarà un luogo di testimonianze e dialoghi per tenere alta l'attenzione sul tema della violenza contro le donne: è l'iniziativa organizzata dall'associazione Mestre Mia in occasione del 25 novembre, la giornata internazionale dedicata al contrasto di questi fenomeni.

Violenze tra le mura di casa

I contenuti sono stati anticipati stamattina dai rappresentanti dell'associazione, Andrea Sperandio e Maria Laura Faccini, e dalla presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano: «In questi mesi di pandemia - ha ricordato Damiano - i problemi tra le mura domestiche si sono aggravati», come dimostrato anche dai dati del centro antiviolenza comunale: «Almeno due donne a settimana si rivolgono al centro - ha detto - È una piaga sociale, ancora di più in questa fase. L'attività è sempre proseguita, ricordo in particolare che a giugno sono stati aperti altri due sportelli, non solo in terraferma ma anche a Cannaregio e al Lido, proprio per ricordare alle donne che le istituzioni ci sono e che le donne non devono sentirsi mai sole».

Tanti ospiti, 8 ore di attività

L'intento dell'iniziativa, hanno ricordato da Mestre Mia, è testimoniare vicinanza a tutte le donne vittime di violenza fisica, psicologica e di altri tipi di intollerabili maltrattamenti. Questo mediante una “maratona” di dialoghi con cittadini, rappresentanti delle forze dell’ordine, esponenti politici, della cultura, del mondo sociale, dell’imprenditoria, delle categorie professionali che dedicheranno un pensiero, una testimonianza, una lettura significativa di brani e poesie per manifestare la propria solidarietà. L’evento si terrà mercoledì 25 novembre nei locali all’interno del chiostro di M9, con inizio alle 11 e conclusione alle 19. Gli ospiti si avvicenderanno ogni quarto d’ora e il tutto sarà trasmesso in diretta streaming.

Lockdown

«A partire dal lockdown di primavera - hanno ribadito i rappresentanti dell'associazione - c'è stato un inasprimento dei problemi familiari. Molte donne, vivendo in casa continuativamente con partner che hanno avuto perdite di lavoro, problemi finanziari e libertà limitata, hanno visto scoppiare delle crisi interne che hanno portato anche a gravi incidenti». I promotori dell'evento chiedono alla cittadinanza di stringersi attorno alle donne vittime di violenza fisica, psicologica e di altri tipi di maltrattamenti, partecipando attivamente alla maratona di interventi. Tutte le iniziative saranno svolte nel rispetto delle norme anti Covid.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una giornata di dialoghi sulla violenza di genere, «piaga aggravata nei mesi della pandemia»

VeneziaToday è in caricamento