rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
La ricorrenza / Marghera

Venezia ricorda le vittime delle foibe e dell'esodo giuliano dalmata

Il 10 febbraio è il giorno del ricordo: la cerimonia e le iniziative

Il 10 febbraio si celebra il giorno del ricordo, istituito in Italia nel 2004 in memoria delle vittime delle foibe, dell'esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale in seguito alla seconda guerra mondiale. La cerimonia a Venezia si è tenuta ieri, venerdì 9, con la deposizione della corona d'alloro sul monumento che si trova a Marghera, nella piazza intitolata alle vittime di quegli eventi.

A portare i saluti dell'amministrazione è stata la presidente del consiglio comunale Ermelinda Damiano, insieme al presidente della municipalità di Marghera, Teodoro Marolo. Con loro c'erano il prefetto Darco Pellos, il presidente locale dell'Associazione nazionale Giulia e Dalmazia (Anvgd) Alessandro Cuk, gli assessori Boraso, Venturini e Pesce, oltre a diversi consiglieri, autorità militari e associazioni combattentistiche e d'arma. Presenti anche gli studenti dell'istituto comprensivo Grimani di Marghera.

«La nostra città ha da subito avuto la sensibilità e consapevolezza di dedicare questa piazza alle vittime di cui oggi celebriamo il ricordo - ha detto la presidente Damiano - Con l'aiuto delle associazioni e di voi cittadini siamo riusciti a creare un vero e proprio "percorso del ricordo" che quest'anno conta quasi una quarantina di appuntamenti sparsi su tutto il territorio comunale». Damiano e il presidente Marolo hanno poi sottolineato l'importanza di trasmettere la memoria storica alle nuove generazioni.

Il treno del ricordo

Tra le varie iniziative, lunedì 12 febbraio farà tappa alla stazione di Venezia Santa Lucia il "treno del ricordo", allestito con una mostra multimediale, che ripercorre idealmente il viaggio compiuto dagli esuli istriani, fiumani e dalmati. Il treno storico inizia il suo percorso il 10 febbraio da Trieste e, viaggiando di notte, raggiungerà dodici stazioni, toccando alcune tappe significative del drammatico viaggio degli esuli. Dalle 9 alle 18 del 12 febbraio sosterà presso la stazione di Venezia, al binario 14. Sarà possibile visitare gratuitamente i vagoni, all’interno dei quali è stato allestito, attraverso immagini e suoni, un percorso narrativo, che rievoca l’esodo, con l’obiettivo di diffonderne la conoscenza e di conservare la memoria di quei tragici eventi. Il progetto è realizzato dalla presidenza del consiglio in collaborazione con Ferrovie dello Stato.

Zaia: «Testimonianza per i giovani»

Il presidente della Regione, Luca Zaia, riflette così sulla ricorrenza: «Sono immagini in bianco e nero che fanno parte di una storia che è anche la nostra: il volto giovane e sorridente di Norma Cossetto che ha pagato con la morte dopo atroci sevizie l’essere istriana e donna, il broncio di una bambina con un cartello su cui è scritto "esule giuliana" e solo un numero che la priva anche della dignità del nome; vecchi che piangono salutando i loro familiari che non rivedranno più, file di cadaveri allineati dopo il recupero sul luogo di eccidi collettivi. Il giorno del ricordo ci impone di guardarle attentamente, ricercando in esse ogni singola tragedia rappresentata dai massacri delle foibe e dall’esodo».

«Abbiamo il dovere di conoscere e far conoscere la storia - prosegue il governatore -. La testimonianza storica, come ho detto anche all’incontro con la comunità ebraica di Venezia nel giorno della memoria commemorando la Shoah, deve essere indirizzata soprattutto ai giovani. Solo conoscendo la realtà di cosa è accaduto possono far crescere in loro la consapevolezza che non può esserci giustificazione storica di fronte a simili drammi dell’umanità».

Celebrazioni a Chioggia

A Chioggia la cerimonia si è svolta sabato 10 febbraio a partire dalle 10.30, con l'arrivo delle autorità civili, militari e religiose di fronte al palazzo municipale in Corso del Popolo. È seguito l'alzabandiera al pennone di piazzetta XX Settembre, poi la deposizione della corona d'alloro al monumento ai caduti e di quella sulla lapide in ricordo dei martiri, nel piazzale dell'isola dell'Unione.

Giorno del ricordo 2024 a Chioggia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venezia ricorda le vittime delle foibe e dell'esodo giuliano dalmata

VeneziaToday è in caricamento