Spacciatore "fai da te", giovane sorpreso con le piantine in casa

Un 23enne di San Stino di Livenza è stato denunciato mercoledì sera. In camera da letto quattro piantine e settanta grammi di marijuana

Il kit e le piantine

Non solo si era messo a spacciare. L'aveva fatto producendosi la marijuana da sé. "A chilometro zero", si potrebbe dire. Peccato che questo commercio clandestino sia durato ben poco: i carabinieri della stazione di San Stino di Livenza, infatti, mercoledì sera hanno messo nel mirino un 23enne residente nel paese veneziano. Con sé alcune dosi di stupefacente, cosicché gli accertamenti sono continuati anche nell'abitazione di residenza.

Che ci fosse qualcosa di losco è stato subito chiaro ai militari nel momento in cui hanno messo piede nella camera da letto del giovane: sono stati sequestrati due vasi in vetro pieni di marijuana. Ma a mettere ancora più nei guai il ragazzo è stata l'apertura del suo armadio. All'interno quattro piantine di canapa, di varie dimensioni. C'era tutto per aiutare quest'ultime a crescere rigogliose e fornire quindi la cannabis. Luci a incandescenza, ventilatori, sistema di irrigazione temporizzato e misuratore di umidità. Insomma, tutto era predisposto per riuscire a ottenere un raccolto abbondante.

Lo stupefacente requisito, circa 70 grammi, è così valso al giovane, incensurato e disoccupato, una denuncia per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

  • Se si avvicina alla ex arriva la polizia: primo braccialetto elettronico per stalking a Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento