Coltello alla gola e pugno in faccia: tornano le rapine dei giovani contro i bengalesi

Un 18enne e un 20enne, veneziani, nella notte tra domenica e lunedì hanno aggredito un cittadino bengalese. Lui li ha pedinati, permettendo ai poliziotti di arrestarli

Tornano le aggressioni a bengalesi da parte di giovani veneziani che entrano in azione soprattutto nell'area di Marghera. Episodi che si ripetono oramai da anni e per cui diversi giovani della terraferma sono finiti nei guai in passato, tra perquisizioni e arresti. Tant'è. Le aggressioni continuano: stavolta l'allarme al 113 è arrivato verso le 2 della notte tra domenica e lunedì. Un cittadino bengalese ha chiesto aiuto spiegando di avere appena subito una rapina da parte di due persone in piazza Mercato, nella città giardino.

Coltello alla gola

Grazie alla descrizione fornita, gli agenti hanno individuato la coppia di sospetti poco distante: si tratta di S.C.M., 18enne, e D.R.C., di 20 anni, entrambi nati e residenti nel territorio comunale di Venezia e già noti alle forze dell'ordine. Secondo il racconto della vittima, l'avrebbero avvicinata per poi intimargli di consegnare il portafoglio. Al rifiuto del bengalese, gli avrebbero puntato il coltello alla gola e l'avrebbero colpito con un pugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due tentativi di furto 

Mentre si allontanavano da piazza Mercato, i due sono stati seguiti dal rapinato fino all’arrivo della volante, che ha bloccato subito il 18enne e ha intercettato il secondo poco distante. Durante gli accertamenti in questura, si è scoperto che la coppia poco prima di aggredire il bengalese aveva tentato di introdursi in due esercizi commerciali sempre della città giardino. I due tentativi di furto sono stati contestati ai ladri grazie alle dichiarazioni dei gestori e alle immagini dei sistemi di sicurezza che li hanno immortalati. I due alla fine sono stati arrestati per tentata rapina e condotti nel carcere di Santa Maria Maggiore a disposizione dell'autorità giudiziaria; nei loro confronti si sta procedendo anche per tentato furto aggravato continuato in concorso e porto di oggetti atti ad offendere.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento