Giulia Salviato, lutto H-Farm: "Non si può lavorare sapendo che non ci sei"

Il giorno dopo l'incidente che ha causato la morte della 32enne mestrina si moltiplicano i commenti addolorati su Facebook. Tante le canzoni dedicate, per lei che adorava la musica

"È stato veramente difficile entrare in ufficio sapendo che non saresti arrivata. H-Farm è immensamente triste". Il dolore non se ne va. E il giorno seguente al tragico incidente che ha portato alla morte di Giulia Salviato, 32enne residente a Favaro Veneto, sono in molti tra amici, colleghi e parenti che hanno impostato sulla propria immagine di profilo di Facebook una foto della povera ragazza. Con quegli occhi chiari che ti penetravano. Compresa H-Farm, l'incubatrice di startup in cui la malcapitata lavorava.

I FUNERALI SABATO 2 FEBBRAIO A MESTRE

Alla Log607 srl, azienda in cui Giulia era assunta da tempo nel settore commerciale, oggi erano tutti in ufficio: "Tentiamo di sostenerci a vicenda - dichiara un collega - In questo momento lavorare è l'ultima cosa che ci passa per la testa. Stiamo pensando a un'iniziativa in onore di Giulia - commenta - Vorremmo ricordarla come merita". Forse il modo migliore per ricordarla è in musica. Grande passione della 32enne, tanto da far parte di alcuni gruppi, tra cui il "Joyful Gospel Group" e i "Rebel Music". Per quanti hanno voluto lasciare un messaggio su Facebook, quindi, deve essere venuto naturale postare video di canzoni che in qualche modo potessero collegarsi a lei.

UNA VITA PER LA MUSICA: "CANTARE MI DA' EMOZIONI SMISURATE"

Coldplay, Opeth, Battiato, "Giulia Dream" dei Pink Floyd. Sono stati decine i brani postati da chi non riesce a sopportare l'assenza di Giulia Salviato: "Ora gli angeli hanno un'amica in più con cui cantare", si legge sulla sua bacheca. E della musica, quella che si canta con l'anima come il gospel e il soul, Giulia era appassionata: "Mi ha sempre colpito la sua energia sul palco - spiega una ragazza veneziana che aveva cantato con lei un paio d'anni fa - era una persona che ti colpiva sempre". D'altronde lei lo scriveva chiaramente nella sua biografia: "Cantare fa parte della mia vita. Cantare mi emoziona in quantità e qualità smisurate".

IL TRAGICO INCIDENTE

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una sensibilità fuori dal comune, sul lavoro e fuori. Sempre pronta a mettersi in gioco. "Ha lavorato con noi circa due anni - racconta Simone Tomaello, amministratore delegato di 2night spa - Si occupava soprattutto di montaggio video per una nostra web tv. E aveva tanto talento. Una persona che prendeva a cuore le cose. Forse anche troppo a volte. Perché era molto sensibile". Nonostante fossero passati cinque anni da quando Giulia Salviato lasciò l'ufficio dell'azienda editoriale mestrina, la tragedia ha provocato profondo dolore: "Molti di noi hanno avuto l'onore di conoscerla e di vederla sorridere - ha scritto Tomaello in una mail a tutti i dipendenti - Facciamo attenzione rientrando a casa, ghiaccio e nebbia ci hanno rubato Giulia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

  • Auto fuori strada, morto un uomo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento