Buon compleanno Giuseppe Verdi! La Fenice celebra il grande autore

La giornata, ad ingresso libero si svolgerà nelle Sale Apollinee del Teatro e vedrà anche una proiezione serale dell'Otello a Palazzo Ducale su Sky

Giovedì 10 ottobre 2013, bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, la Fondazione Teatro La Fenice dedicherà una festosa giornata di musica e letture al massimo operista italiano, nato a Roncole di Busseto il 10 ottobre 1813.

GLI APPUNTAMENTI - Pensata in accoppiata con l’analoga manifestazione che il 22 maggio scorso celebrò il bicentenario della nascita di Richard Wagner, la giornata, ad ingresso libero si svolgerà nelle Sale Apollinee del Teatro la Fenice con l’alternarsi quattro appuntamenti indipendenti, ispirati a vari aspetti della biografia e della produzione artistica del compositore e caratterizzati da un’impostazione informale e conversativa, talora garbatamente ironica. Alle 11 il musicologo e conduttore radiofonico Guido Barbieri sarà protagonista di un giocoso ma documentatissimo monologo sui vari aspetti del rapporto tra Verdi e Venezia, argutamente intitolato Mattadori, piccadori e… gondolieri, con allusione ai gondolieri veneziani che la Fenice scritturò come comparse per il ricevimento in casa di Flora nella prima assoluta della Traviata, così goffi nei panni dei ricchi aristocratici parigini che il pubblico si trattenne a fatica dal ridere. Alle 12.30 l’attrice Francesca D’Este, fondatrice della compagnia Questa Nave, leggerà alcuni estratti dal vasto e bellissimo epistolario di Giuseppe Verdi, mettendone così a fuoco personalità e convinzioni. Alle 16.30 il direttore artistico del Teatro La Fenice Fortunato Ortombina e il musicologo Michele Girardi animeranno da par loro una tavola rotonda su temi verdiani, per fare il punto sul significato e sull’attualità della sua produzione. E infine alle 18 l’attrice Simona Marchini, grande appassionata di opera lirica, proporrà Croce e delizia… signora mia! Storie di vita vissuta… per pianoforte e voce recitante; accanto a lei il pianista Paolo Restani, che eseguirà tre trascrizioni verdiane di Liszt: il Miserere dal Trovatore, la Danza sacra e duetto finale dall’Aida, e la Paraphrase de concert su temi del Rigoletto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IN TELEVISIONE - In serata anche Sky Classica renderà omaggio a Verdi proponendo in HD sul canale 131, come evento clou delle sue celebrazioni verdiane, la ripresa video dell’Otello effettuata il 10 luglio 2013 nella splendida cornice di Palazzo Ducale. Diretta da Myung-Whun Chung con la regia di Francesco Micheli e la partecipazione nei ruoli principali del tenore Gregory Kunde, del soprano Carmela Remigio e del baritono Lucio Gallo, l’opera verdiana ha costituito l’evento di punta del festival estivo “Lo spirito della musica di Venezia”, riprendendo dopo 43 anni la tradizione delle storiche produzioni di Otello realizzate negli anni Sessanta in Palazzo Ducale, anche allora oggetto di una celebre ripresa televisiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento