menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il volo dell'Angelo (archivio)

Il volo dell'Angelo (archivio)

Gli angeli custodi della Colombina quest'anno lavoreranno "dal cielo"

Non solo agenti "a terra", ma anche in postazioni strategiche e dotati di visori. Il questore Sanna: "Non solo per l'allerta terrorismo". I varchi di accesso saranno anticipati rispetto al solito, ecco la mappa dei percorsi

Un Carnevale così non lo si era mai visto. Non solo per gli eventi che già turisti e residenti hanno potuto vivere (compresa l'esibizione del pianista "volante" Paolo Zanarella a Punta della Dogana) ma anche per il livello di allerta in auge in fatto di ordine pubblico. Per questo giovedì in questura si è svolto un secondo tavolo tecnico tra i rappresentanti delle varie forze dell'ordine e di soccorso per mettere a punto la "macchina" che dovrà garantire l'incolumità di quanti affolleranno piazza San Marco domenica prossima per assistere al volo dell'Angelo. "Siamo partiti individuando i punti più critici dell'afflusso, ma soprattutto del deflusso della gente - ha spiegato il questore Angelo Sanna - perché dobbiamo tenere in considerazione l'ipotesi che quest'ultimo possa essere forzoso". Non solo sorveglianza "da terra" in piazza ("ci saranno diversi agenti anche in borghese per prevenire borseggi e altri reati"), ma anche dall'alto: in questo modo, secondo Sanna, si potranno coordinare soccorsi il più celermente possibile.

Le due postazioni, con quattro agenti che si turneranno mano a mano, sono posizionate ai lati opposti della piazza, sorvegliata con binocoli e visori: "Non solo allerta terrorismo - tiene a precisare il questore - ma anche per eventuali soccorsi a persone nella folla. Solo così la comunicazione potrà essere veloce ed efficace". Allo stesso modo la cabina di regia della macchina ("il direttore d'orchestra sarà il capo di gabinetto della questura, ma non è escluso che in caso di criticità entri in gioco io stesso", ha spiegato Sanna) è stata collocata all'interno del Gran Teatro che si sta allestendo in piazza San Marco.

Da lì partiranno i collegamenti radio con le varie centrali operative delle diverse forze dell'ordine e con il territorio, praticamente gomito a gomito con la "regia" dell'evento: "In questo modo eventuali annunci alla gente saranno più celeri e precisi - spiega il questore - Per sicurezza saranno tenuti liberi (e vigilati) due lati della piazza. Quello del patriarcato e quello sud dietro al palco, in modo a gestire le esigenze di mobilità della folla. Non saranno blocchi fissi, ma mobili". Cinque i presìdi di forza pubblica nel "salotto della città", dal ponte della Paglia fino alla piazzetta, tutti "rafforzati" con la presenza di personale del 118, della polizia locale e della protezione civile. L'area della piazza, infine, è stata divisa in dieci zone, con competenze precise tra i vari operatori. "Si tratta di un modello che potrebbe essere aggiustato in vista della domenica successiva - conclude Sanna - è la prima volta che è stata messa in piedi un'organizzazione del genere".  

In vista di domenica, come sempre, la piazza sarà "bonificata". Fino all'ultimo momento prima dell'inizio della kermesse, visto che i sistemi di filtro sono stati "anticipati". Gli ingressi dal lato nord della piazza saranno ridotti, in modo sia da creare delle aree di viabilità libera da transiti, utili in caso di necessità di spazi di fuga, sia anche per cercare di impedire ammassamenti eccessivi di persone nelle strozzature di accesso e di deflusso.

Le postazioni della Municipale saranno arretrate rispetto al solito, e disposte su due anelli che verranno chiusi o aperti in relazione alla quantità di persone presenti in piazza e nelle calli immediatamente vicine. Per gli afflussi e i deflussi, come al solito, verranno predisposti, al bisogno, sensi unici nelle direzioni valutate più opportune al momento, in direzione della Piazza prima degli eventi e viceversa alla fine degli stessi. Agli agenti si aggiungerà anche un folto "rinforzo" dei volontari della protezione civile.

LA MAPPA DEI PERCORSI DI ACCESSO E DEFLUSSO

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento