"Mancano bambini tra gli asili nido? Aprire le graduatorie anche dopo il 31 marzo"

La proposta della capogruppo del Movimento Cinque Stelle, Elena La Rocca, in commissione

"Buchi" nell'organico dei bambini iscritti agli asili nido? Una soluzione, secondo la capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Consiglio comunale, Elena La Rocca, potrebbe essere quella di reinserire il sistema della doppia graduatoria. "Oggi le iscrizioni sono possibili solo fino al 31 marzo e, anche se alcune iscrizioni fuori termine vengono accettate, di fatto gli asili rimangono con decine di posti vuoti - dichiara la consigliera - Tali posti potrebbero essere occupati dai bambini che nascono oltre il 31 marzo, ma sempre prima dell’anno scolastico successivo".

Proposta in commissione

La proposta è stata esposta durante la riunione della XI commissione sui servizi educativi: "Era stata accettata dalla III Commissione a inizio legislatura - dichiara La Rocca - ma poi non è stata realizzata, anche a causa dei vincoli posti dal Patto di stabilità". Altri tempi, ora che il bilancio non è più contraddistinto da lacciuoli così stretti: "Ho riproposto la cosa e diversi consiglieri di maggioranza si sono detti d’accordo - conclude La Rocca - Vigileremo, dunque, affinché l’iscrizione oltre il 31 marzo diventi concreta e proporrò delle modifiche regolamentari se necessario. Chiedo inoltre che gli uffici diano la possibilità alle famiglie di 'prenotare' il posto all’asilo qualora la nascita sia prevista nei giorni di chiusura delle iscrizioni". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento