rotate-mobile
Cronaca San Marco / Ponte di Rialto

La battaglia ai writers che imbrattano Venezia è cominciata, tre denunciati

Pugno duro nei confronti di due giovani di Pordenone e uno della città lagunare. Sono accusati di aver "colpito" ripetutamente il Ponte di Rialto e i muri esterni di molte chiese

La battaglia contro i writers a Venezia fa le prime "vittime". Tre graffitari, infatti, sono stati scoperti e denunciati dalla polizia municipale. Sarebbero loro, in arte Sqon, Gafuck e Zetaerre (quest'ultimo membro del gruppo Dcs), che hanno imbrattato per mesi la città lagunare "colpendo" in punti strategici come il Ponte di Rialto, il Ponte dei Miracoli, le chiese di San Simeon Grande e San Simeon Piccolo, Santa Fosca e San Cassiano.

Le loro firme, d'altronde, sono molto conosciute nell'universo dei graffiti. Sqon lascia sempre un volto di gatto, Gafuck una sorta di orecchio meccanico e Zetaerre la sua sigla: Tag. Per "marchiare" i disegni. La loro voglia di mostrare al mondo le proprie "opere", caricandone le foto su internet, li ha però traditi. Gli inquirenti, rintracciandole, in poco tempo sono riusciti a risalire agli autori, due di Pordenone e uno di Venezia. Dei tre, uno è un operaio, uno è uno studente 24enne di buona famiglia (il veneziano) mentre il terzo, un 35enne, è il titolare di una serigrafia che gli serviva anche per vendere oggettistica legata al suo marchio (il gatto).


Nel corso delle perquisizioni delle loro abitazioni la municipale ha rinvenuto centinaia di bombolette spray, erogatori, computer e un telefono cellulare dove uno dei graffitari aveva immortalato un graffito appena realizzato. Per tutti l'ipotesi di reato è danneggiamento continuato e Ca' Farsetti ha annunciato che in sede giudiziaria sarà parte civile per il risarcimento del danno. “Imbrattare i muri e i monumenti di Venezia per la legge è come disegnare con un pennarello sulla Gioconda”, ha spiegato il comandante della polizia municipale Luciano Marini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La battaglia ai writers che imbrattano Venezia è cominciata, tre denunciati

VeneziaToday è in caricamento