Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

I pendolari a sindaco e Actv: "Stop agli aumenti, rivedere le tratte"

I comitati contro i recenti rincari nel servizio di trasporto, ma anche contro le assurde differenze di prezzo tra i Comuni: "Si passi a tariffazione chilometrica"

Un'altra "gatta da pelare", per il neo sindaco Luigi Brugnaro, e tanto per cambiare il problema è economico: se da una parte, infatti, il Comune deve incassare per cercare di risollevare le sorti del bilancio, dall'altra ci sono le esigenze di viaggiatori e pendolari Actv, che devono far fronte agli aumenti delle tariffe scattati nelle scorse settimane. E che ora, come riporta il Gazzettino, fanno appello proprio al primo cittadino.

Perché, come più volte riferito dall'azienda di trasporti, è proprio il Comune il diretto responsabile dei rincari, nonché l'unico ente a beneficiarne. I referenti dei comitati di Mira, Dolo, Salzano e Martellago hanno incontrato il presidente Actv Luca Scabrin, per spiegare i problemi di carenza dei servizi e aumento dei costi: un incontro positivo, hanno convenuto, in cui ie richieste sono state recepite. Prima su tutte quella di passare a una tariffazione chilometrica anziché per confini comunali, per colmare assurdi divari di costi: per fare un esempio, un biglietto da Martellago a Venezia costa 2,80 euro, mentre dalla confinante Trivignano, che però è in Comune di Venezia, il prezzo è di 1,50 euro.Peggio ancora con l'abbonamento: al momento viene 48 euro, ma per girare all'interno del Comune di Venezia ne servono altri 20 di supplemento urbano. Chi abita a Trivignano, invece, se la cava con 37 euro per tutto il Comune di Venezia. Discorso analogo anche a Salzano, dove l'abbonamento per andare a Mirano, un percorso di 4 chilometri, costa 55 euro al mese.

Un'analisi che sarebbe stata ritenuta legittima da Actv, che concorda su alcune questioni: il congelamento degli aumenti dei supplementi, la possibilità che gli studenti abbonati al Mirano-Scorzè usino lo stesso abbonamento anche sui mezzi urbani per Mestre, la razionalizzazione di linee poco usate per rinforzare quelle in sofferenza. Ma poi avrebbe passato la "patata bollente" al sindaco, e i comitati non hanno perso tempo: è stata inviata un’email a Luigi Brugnaro per chiedere un appuntamento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I pendolari a sindaco e Actv: "Stop agli aumenti, rivedere le tratte"

VeneziaToday è in caricamento