Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

La città di Igoumenitsa entra in European Silk Road, rete per la valorizzazione dei territori

Nuovo partner greco per il network gestito dalla veneziana Marco Polo System. Obiettivo del progetto è attivare iniziative con ricadute positive su turismo e produttività

La città capoluogo della regione greca della Tesprozia, tra i maggiori scali marittimi della regione adriatico-ionica, diventa il porto ideale per le connessioni tra Grecia e Italia, con Venezia come centro nevralgico all’interno di una rete, European Silk Road, che comprende 14 partner (in maggior misura pubblici) provenienti da tutta l’area mediterranea orientale. Lo stesso toponimo Igoumenitsa – porto delle Gomenizze era il nome ai tempi della Serenissima - rivela lo stretto rapporto con Venezia, dove ha sede il GEIE Marco Polo System, impegnato in progetti europei di sviluppo territoriale nell'area mediterranea. 

Valorizzazione del patrimonio culturale

L'accordo è stato sancito con le firme del sindaco greco Ioannis Lolos e dell’amministratore di Marco Polo Pietrangelo Pettenò. La prima azione della rete, l’iniziativa MedTaste, dedicata alla gastronomia e al racconto attraverso il dialogo tra Italia e Grecia, ha registrato un vasto successo di pubblico. Prossime linee d’intervento: Marco Polo System sarà il “ponte” con il mondo veneziano e generalmente con le realtà italiane, mentre in loco si stanno studiando azioni per la tutela del patrimonio fortificato; a livello transnazionale, invece, European Silk Road acquista una struttura ancor più solida. La rete è nata per potenziare l'attrattività degli enti coinvolti attraverso la creazione di itinerari culturali su scala internazionale. “La via della seta - evidenzia Pettenò - diventa ispirazione per una rete di realtà con comune intenzione di valorizzare il patrimonio culturale, con ricadute su turismo, marketing territoriale, produttività”.

Una vasta rete di partner

Le recenti iniziative legate alla tutela della dieta mediterranea, comprendenti partner italiani, greci e croati, così come gli incontri avvenuti tra Marco Polo System e il Comune di Atene, testimoniano l’importanza di questa rete. Partner di ESR sono, per l’Italia, Assonautica Italiana, Lega Italiana per i Diritti dell’Uomo, Forum AIC-Adriatic and Ionian Chambers of Commerce, Biennale Habitat “Mediterraneo Patrimonio dell’Umanità”, Comune di Gradara, Unione dei Comuni Pian del Bruscolo, Med Cooking School di Ceglie Messapica; per l’Albania, Fondacioni Europa; per la Croazia Zaklada Europa e Fondazione Ars et Labor; per la Grecia, oltre alla nuova entrata Igoumenitsa, il primo firmatario Comune di Corfù, i Comuni di Monemvasià e di Pylos-Nestoros, mentre si stanno attivando le procedure per l’adesione della Città di Atene. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La città di Igoumenitsa entra in European Silk Road, rete per la valorizzazione dei territori

VeneziaToday è in caricamento