menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il costoso montascale per il papà non serve più: "Non lo vendo, lo dono a chi ha bisogno"

Storia di generosità da Sottomarina. La signora Rosetta: "Purtroppo a mio padre non serve più, ho subito pensato a una donazione all'Ulss14 per aiutare altre famiglie come la mia"

Un costoso montascale che potevano rivendere e che donano invece al Distretto sociosanitario dell’Ulss 14. Che, a sua volta, lo metterà a disposizione gratuitamente di un non autosufficiente. Si è chiusa a “lieto fine”, cioè a “lieto fine per un altro malato”, la storia della famiglia Boscolo Bragadin di Sottomarina. Una storia di generosità, che risale a qualche tempo fa e che vede protagonista papà Benito, un signore ultraottantenne, da qualche anno malato di Alzheimer.

Per lui, la figlia Rosetta, aveva acquistato un montascale (circa 4000 euro), un ausilio che lo avrebbe aiutato a salire e scendere le scale, che uniscono i due livelli dell’abitazione in cui vive, in totale sicurezza. “Ma purtroppo mio papà è peggiorato e non ci serviva più questo attrezzo. Ho scartato subito l’idea di rivenderlo e ho pensato invece alla donazione, perché immaginavo che potesse essere d’aiuto ad un’altra famiglia come la mia”, ha spiegato la signora Rosetta.

Nasce così l’idea della donazione. “La signora – ha dichiarato il direttore del Distretto, il dottor Riccardo Ranzato - si è presentata qui da noi un giorno e mi ha raccontato la sua storia. Abbiamo accolto subito la donazione perché ci permetterà di aiutare uno dei nostri assistiti con la formula del comodato d’uso”. Il montascale donato è un attrezzo molto evoluto, tarato a trasportare fino a 120 chili, tecnologicamente avanzato che permette, senza far fatica e in sicurezza, di accompagnare il famigliare lungo il suo percorso di sali e scendi per le scale della propria abitazione.

“Un gesto generoso – ha concluso il direttore generale della Ulss 14 Giuseppe Dal Ben – e solidale che cambierà la vita di una persona non autosufficiente. E’ bello che chi ha provato l’esperienza di avere in casa un famigliare con difficoltà si ricordi poi, quando può, di altre famiglie che hanno bisogno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Attualità

Federica Pellegrini stasera al Festival di Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento