menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il progetto di porto off shore

Il progetto di porto off shore

Porto off shore, battaglia continua "Il Friuli si sfila, sarebbe un danno"

A parlare è la neo presidente Debora Serracchiani, che mette nel mirino il progetto d'altura finanziato dal Cipe. Paolo Costa risponde piccato

Il porto off shore continua a far discutere e soprattutto a dividere. Se in laguna si punta dritto dritto sulla grande opera finanziata dal Cipe, attorno a essa si fanno le barricate. Oggi a uscire allo scoperto è la neo governatrice del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, che ha ribadito il suo "no" al progetto. "I porti dell'Alto Adriatico - ha precisato a margine di un convegno a Pordenone - sono chiamati a una sinergia profonda. Invece la piattaforma off shore di Venezia rompe questo sistema sinergico. Non a caso il porto di Ravenna è uscito dall'associazione dei porti per questo. Credo che Trieste, come Capodistria - ha spiegato - siano chiamati a difendere di più e meglio i propri interessi, in un'ottica di concorrenza utile: non possiamo pensare che alcuni progetti si prendano tutta la portualità dell'Alto Adriatico".

A stretto giro di posta è arrivata la risposta del presidente dell'Autorità portuale Paolo Costa, che si è detto "dispiaciuto che Debora Serracchiani commenti un'audizione della quale non può conoscere i dettagli".

"Nel corso dell'incontro, nel presentare il contributo di Venezia allo sviluppo dei porti adriatici - rileva Costa -, non ho mai mancato di sottolineare come questo faccia parte di una strategia che auspica, sostiene e collabora a far realizzare sviluppi altrettanto sostanziali a Trieste, Capodistria e Fiume ma anche di Ravenna che non può non continuare a essere considerato porto strategico, senza il quale l'Alto Adriatico non può ambire a raggiungere i traguardi europei che sono a portata di mano". Per concludere una frecciatina: "Spiace constatare come la presidente Serracchiani, sfuggendo ripetutamente a ogni richiesta di incontro e confronto - aggiunge Costa - stia seguendo una strategia che, qualora avesse successo, non potrebbe aver altri effetti che quelli di rilanciare le portualità, non adriatiche, concorrenti". (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento