Il premio internazionale per la sceneggiatura Mattador all'accademia di belle arti di Venezia

La sezione Dolly “Illustrare storie per il cinema” del Premio Internazionale per la Sceneggiatura Mattador e "Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura" all'Accademia di Belle Arti di Venezia.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Riceviamo e pubblichiamo:

"Il Premio Mattador torna a Venezia. Il bando dell’edizione 2015/2016 con la nuova sezione Dolly “Illustrare storie per il cinema” sarà presentato agli studenti dell’Accademia di Belle Arti della città lagunare. L’appuntamento è per lunedì 25 gennaio 2016 alle 12.00 nell’Aula Magna della Sede Centrale dell’Accademia.

Con questa edizione Mattador si rivolge anche agli studenti delle Accademie. Alla presentazione, coordinata da Riccardo Caldura (docente di Fenomenologia delle Arti Contemporanee all’Accademia di Venezia e membro del Comitato Consultivo dell’Associazione Mattador), interverranno Fabrizio Borin (docente di Storia del Cinema all’Università Ca’ Foscari e direttore artistico del Premio Mattador), Mauro Rossi (direttore EUT Edizioni Università di Trieste) e Laura Modolo (vicepresidente dell’Associazione Mattador).

Mattador è dedicato a Matteo Caenazzo, giovane studente del Liceo Artistico Nordio di Trieste, formatosi successivamente in Tecniche Artistiche e dello Spettacolo all’Università Ca’ Foscari di Venezia, scomparso prematuramente nel giugno del 2009. Il Premio, nato dal pensiero e dalle passioni di Matteo, ha l’obiettivo di far emergere e valorizzare nuovi talenti dai 16 ai 30 anni. L’iniziativa possiede una peculiarità che la distingue da tutte le altre del settore: offre ai giovani selezionati la possibilità di sviluppare i loro progetti insieme a tutor professionisti, formando futuri sceneggiatori e registi.

Saranno illustrati i regolamenti del Concorso 2015/2016 e i premi in palio: 5.000 euro alla migliore sceneggiatura, 1.500 euro al migliore soggetto, ma soprattutto si parlerà dei percorsi formativi, che sono la caratteristica qualificante del Premio. I finalisti per il miglior soggetto si confrontano infatti con sceneggiatori che insegnano a sviluppare l’idea e la struttura narrativa dei loro lavori. Analogo percorso per i vincitori della nuova sezione Dolly “Illustrare storie per il cinema” che vengono affiancati nello sviluppo narrativo della loro storia raccontata per immagini dal concept designer Daniele Auber, vincitore dell'Emmy Award (collaborazioni con Terry Gilliam, Luc Besson, Wes Craven, Dario Argento, i Wachowski).

E anche il vincitore di Corto86 realizza, sempre con il supporto di un tutor e con una troupe tecnica durante tutte le fasi di realizzazione, il suo cortometraggio di cui può firmare anche la regia. Il progetto Corto86 è realizzato in coproduzione con Fantastificio Film Production, Pianeta Zero, Pilgrim Film, con il supporto tecnico di Friuli Venezia Giulia Film Commission e, per l’ultima produzione, in collaborazione con Officine Artistiche di Roma. Quest’ultimo corto, Bagaglio in eccesso di Mariachiara Manci, sarà proiettato al termine della presentazione.

A seguire, quale sviluppo della tesi di laurea di Matteo Caenazzo I set cinematografici nell’esempio della Friuli Venezia Giulia Film Commission, verrà presentato il quarto volume della collana Scrivere le immagini. Quaderni di sceneggiatura (Eut/Mattador) che pubblica, accanto agli scripts vincitori di Mattador, saggi su sceneggiature di autori noti o molto noti.

Maggiori informazioni e i nuovi regolamenti sono visibili sul sito www.premiomattador.it"

Torna su
VeneziaToday è in caricamento