Il V reggimento Superga celebra la festa dell'esercito all caserma Capitò

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday

Rieceviamo e pubblichiamo il comunicato: "Portogruaro (VE) 4 maggio 2017 - È stato celebrato giovedì, anche a Portogruaro, nell'ambito della cerimonia mensile dell'alzabandiera solenne il 156 anniversario della costituzione dell'Esercito Italiano. La cerimonia si è svolta nella caserma Capitò, sede del 5° reggimento artiglieria lanciarazzi Superga. Il 4 maggio, infatti, l'Esercito Italiano ha celebrato la sua festa, ricorrenza in cui il 4 maggio 1861 il Ministro della Guerra del Regno d'Italia, il Generale Manfredo Fanti, firmava il decreto con il quale veniva stabilita la costituzione del Regio Esercito, rimanendo abolita l'antica denominazione di Armata Sarda. L'evento si è aperto con la cerimonia dell'alzabandiera alla presenza delle principali autorità civili e militari della città. Sono seguiti la lettura dei messaggi augurali del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e delle alte autorità militari. La cerimonia si è conclusa con l'allocuzione del Colonnello Edmondo Dotoli, Comandante del 5° reggimento artiglieria lanciarazzi Superga nel corso del quale sono stati ricordati i Caduti. Il 5° reggimento artiglieria terrestre lanciarazzi Superga, il più antico reggimento di artiglieria d'Italia, trae le sue origini dal Regio reggimento di artiglieria del 1743 trasformato, successivamente, in "Corpo Reale d'Artiglieria". Dal 5° "Superga" sono state tratte, nel tempo, tutte le unità per la costituzione di gran parte dei reggimenti di artiglieria dell'Esercito Italiano. Il 1° dicembre la bandiera del 5° reggimento artiglieria pesante "Superga" è stata trasferita dalla sede di Udine dalla sede di Portogruaro (VE), assumendo la denominazione di 5° reggimento artiglieria terrestre lanciarazzi "Superga" acquisendo il sistema MLRS. Nonostante fosse la più antica, l'unità è dotata del più moderno sistema d'arma in grado di fornire, al Comandante delle forze, un supporto di fuoco in profondità e con estrema precisione, oltre le distanze attualmente raggiungibili dalle altre artiglierie di cui dispone lo Strumento Militare nazionale. Attualmente il reggimento concorre con proprio personale all'operazione strade sicure nella città di Milano".

Torna su
VeneziaToday è in caricamento