La disperata richiesta d'aiuto alla sorella dal Messico: "Portami in Italia, mi ammazzano"

Una vicenda tutta da decifrare. Un imprenditore rodigino di 52 anni ha inviato messaggi preoccupanti alla congiunta, di Cavarzere: "Ora sono nascosto, ma non ho documenti"

Città del Messico

La vicenda è ancora tutta da decifrare, ma di certo in questi giorni ha assunto toni preoccupanti. Secondo quanto riporta "Il resto del Carlino" un imprenditore rodigino, Alessandro Bozzato, avrebbe chiesto aiuto alla sorella, che abita a Cavarzere, attraverso alcuni messaggi: "Ora sono nascosto, non ho documenti. Datemi una mano, portatemi in Italia prima che mi ammazzino qui". Questo sarebbe l'ultimo dei video e degli scritti inviati dal Messico dal protagonista della vicenda.

Vicenda "pericolosa"

Quest'ultimo, stando al quotidiano, sarebbe coinvolto in una pericolosa vicenda di criminalità e denaro. Ma i contorni delle sue parole sono ancora poco chiari. Bozzato, 52 anni, vive da tempo a Città del Messico. Da sabato le comunicazioni con la sorella si sarebbero interrotte, tanto che la donna teme per la vita del fratello, il cui cellulare risulta costantemente staccato. Del caso sarebbero stati informati i carabinieri della stazione di Cavarzere, che avrebbero a loro volta trasmesso il tutto al sostituto procuratore di Venezia Carlotta Franceschetti. Inevitabile che l'ansia salga mano a mano che il tempo passa senza avere risposte da oltre oceano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento