menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imprese veneziane, raddoppiate le start up innovative: bene trasporti e ristorazione

Costante il numero delle imprese attive nel territorio nel terzo trimestre del 2016 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. In difficoltà settore agricolo e delle costruzioni

Il numero delle imprese attive nel territorio veneziano nel terzo trimestre del 2016 è costante rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Questo quanto emerge dal report elaborato dal servizio Studi e Statistica della Camera di Commercio Delta Lagunare.

Al 30 settembre 2016, infatti, le localizzazioni attive ammontano a 89.933 unità, composte da 68.257 sedi d’impresa e 21.676 unità locali (stabilimenti, filiali, ecc.): rispetto all’anno scorso il numero di localizzazioni produttive attive provinciali è aumentato dello 0,6%, determinato dal +0,4% delle sedi d’impresa e dal +1,2% delle unità locali. Rilevante la continuità del segno positivo per le sedi nel 2016, dopo 3 anni consecutivi di contrazione.

Il focus sui settori fa emergere come i più in difficoltà continuino ad essere quello delle costruzioni (-1,3%) e quello dell’agricoltura (-1,4%), mentre il commercio continua a rialzarsi del +0,7%. Positivi i settori dei trasporti (+2,2%) delle attività dei servizi di alloggio e ristorazione (+3,4%) e dei servizi alle persone (+2,4%). Il comparto dell’industria resta nel complesso stabile. In relazione alla natura giuridica, l’aumento delle società di capitali (+3,2%) porta ad un ulteriore aumento del loro peso percentuale (19,5% sul totale) a scapito delle società di persone che risultano in flessione  del -1,2%. Le localizzazioni artigiane, invece, continuano la flessione (-0,4%), seppur in percentuale minore rispetto alla media regionale e italiana. I settori maggiormente colpiti sono quello dell’industria (-1,8%) e quello delle costruzioni (-1,3%).

Interessante l’aggiornamento sulla presenza sul territorio di start up innovative: i dati aggiornati al 24 ottobre 2016 dicono che in provincia di Venezia sono 74 e in continua crescita (+7,2% rispetto a luglio, +42% rispetto a maggio e settembre 2015).  Sono, inoltre, presenti in provincia 2 delle 14 PMI innovative presenti in Veneto. Per quanto riguarda le reti d’impresa, secondo i dati aggiornati al 3 ottobre 2016, sono 280 le imprese della provincia di Venezia coinvolte in 126 contratti di rete (di cui 29 con personalità giuridica).

L’analisi sulla nati-mortalità d’impresa evidenzia che in provincia di Venezia il terzo trimestre 2016 si chiude con un saldo positivo di 558 imprese, dato dalla differenza tra le 3719 iscrizioni e le 3161 cessazioni. Questo dato risulta ulteriormente positivo se raffrontato con quello dell’anno scorso, quando ci fu un saldo positivo di 260 imprese. Tale miglioramento è collegato ad una forte contrazione delle cessazioni (-7,6% rispetto al terzo trimestre 2015) e ad un aumento del +1,0% delle iscrizioni. Il territorio Veneziano si è distinto rispetto al Veneto per l’alta quota di nuove imprese straniere: la percentuale di iscrizioni di imprese straniere si è attestata al 22% (Veneto 19,3%, Italia 16,7%), quella delle imprese giovanili al 26% (Veneto 26,9%, Italia 31,1%) e delle imprese femminili al 27,6% del totale iscrizioni (Veneto 27%, Italia 27,9%).

Il 29% delle aperture di nuove imprese si concentra nel settore del commercio in aumento rispetto al 2015 del +1,2%. Nonostante anche la maggioranza delle cessazioni si concentri nello stesso settore, segno dell’altissimo turn over delle attività commerciali, il saldo per i primi nove mesi dell’anno è positivo. Seguono il settore dei servizi alle imprese con il 15,4% delle iscrizioni classificate (-10,1% tendenziale) e dell’alloggio e ristorazione (14,1% delle iscrizioni, in aumento del +7,3%). I fallimenti, invece, hanno coinvolto 142 imprese, registrando un calo del -12,6% rispetto al terzo trimestre 2015. La maggioranza delle aperture di tali procedure ha riguardato imprese appartenenti al settore delle costruzioni (30,0% del totale), dell’industria in senso stretto (19,0%) e del commercio (16,9%).  Per quanto riguarda le forme giuridiche, la parte più rilevante di imprese per le quali è stata aperta una procedura fallimentare è composta da società di capitali per il 69,7% e da società di persone per il 18,3%.

Uno sguardo ai dati di traffico delle principali infrastrutture dell’area fa emergere come il sistema aeroportuale Venezia (costituito dagli aeroporti di Venezia e Treviso) sia in continua crescita con un + 9,1% di aeromobili transitati e un +9,7% di passeggeri nei primi nove mesi del 2016 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il Porto di Venezia presenta performance meno esaltanti con un incremento del traffico passeggeri del +1,8% e una sostanziale stabilità del tonnellaggio complessivo delle merci movimentate (+0,1%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento