rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

In vista dell'estate si potenzia la rete di emergenza dell'Ulss 12

Dal 15 giugno al 15 settembre quinta idroambulanza per il centro storico e approdo a Chioggia per i pazienti di Pellestrina

La rete dell’emergenza sanitaria dell’Ulss 12 è stata presentata dall’azienda veneziana alla commissione comunale della Salute. Organizzazione, risorse e mezzi sono stati presentati dal direttore generale Giuseppe Dal Ben, affiancato dal direttore del dipartimento Emergenza-urgenza  e direttore del Pronto soccorso di Mestre Giulio Belvederi, dal direttore del pronto soccorso di Venezia Michele Alzetta e dal direttore della centrale operativa del 118 Paolo Caputo.

Il potenziamento dei soccorsi per la stagione estiva e la costruzione di un attracco a Chioggia per favorire il trasferimento di pazienti non gravi da Pellestrina: queste le novità annunciate dal direttore generale. “E’ massima la nostra attenzione per l’emergenza sul territorio. I nostri tecnici sono professionalmente molto esperti e capaci di gestire le maxi emergenze come le emergenze ordinarie: sono sicuro che l’Ulss 12 sta garantendo nel modo migliore la salute della popolazione. L’aggiunta della quarta idroambulanza per il centro storico è stato un modo per aumentare ancora di più la sicurezza. Quanto al ricovero a Chioggia dei pazienti, sono i nostri medici a stabilire quando questa è la scelta migliore. In caso di codici rossi o gialli, è evidente che spetta al sanitario decidere la sede ospedaliera più adatta alle condizioni del malato”.

Il responsabile del 118 Paolo Caputo ha fornito obiettivi e numeri della centrale operativa provinciale veneziana che in assoluto registra la maggiore attività rispetto alle altre consorelle del Veneto: oltre 152 mila chiamate di soccorso l’anno e 71 mila missioni. “Il nostro motto è: il paziente giusto, nel tempo giusto e nel posto giusto in un territorio complesso come quello del Veneziano – ha detto Caputo - Basti pensare al bacino di popolazione: gli abitanti sono 800 mila ma con il sovrappeso turistico diventano in media 1 milione e 100 in più”.
 
Per questa estate – dal 15 giugno al 15 settembre - è prevista una quinta idroambulanza con infermiere per il centro storico, un medico in più per il servizio di soccorso, un’ambulanza con infermiere stabile al Lido, un’ambulanza con medico  e un’ambulanza con infermiere in luglio e agosto per Cavallino Treporti, un’ambulanza domenicale per Marcon, un’auto medica notturna per la centrale operativa. I trasporti di emergenza saranno effettuati dagli elicotteri di Padova e Treviso. “Vi assicuro – ha spiegato Dal Ben – che la mancanza dell’elicottero in sede non ha cambiato di nulla la qualità dei soccorsi. La nostra rete di emergenza, e vorrei sottolineare che il 90% delle coste della Regione è sotto la nostra giurisdizione, ha funzionato egregiamente sempre, dovunque e comunque”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In vista dell'estate si potenzia la rete di emergenza dell'Ulss 12

VeneziaToday è in caricamento