rotate-mobile
Cronaca Chioggia / Via Primavera

Dal camion all'autobus, altro mezzo pesante distrutto da un incendio

Dopo l'autotreno rimasto vittima giovedì pomeriggio di un rogo a Marcon, è stato il turno di un pullman turistico rimanere preda delle fiamme. I ragazzi di prima media di ritorno dalla gita sono scappati in extremis

A poco più di sei ore dal grave incendio che ha completamente distrutto un camion che trasportava tortellini e tre auto in sosta a Marcon, un altro rogo non ha mancato di preoccupare quanti un quarto d'ora prima delle 19 si trovavano in località Sant'Anna di Chioggia. In viale Primavera.

Un autobus, infatti, a quanto pare turistico, è stato completamente avvolto dalle fiamme. Tutto in pochi istanti. Dalle prime avvisaglie di ciò che di lì a poco stava per accadere fino alla nube nera di fumo visibile anche a distanza. Per fortuna a bordo del pullman non c'era alcun passeggero. Gli studenti delle scuole medie della zona che stavano tornando da una gita a Ravenna, infatti, hanno abbandonato il veicolo in fretta e furia. Dopo aver capito ciò che stava per accadere grazie anche alla presenza d'animo dell'autista. I danni subiti dal veicolo sono molto pesanti per un bilancio che rischia di essere molto pesante, nonostante l'intervento dei vigili del fuoco. Che hanno comunque spento il rogo e messo in sicurezza la zona. Ancora poco chiare le cause dell'incendio. Una delle ipotesi tenute in considerazione è che a "tradire" sia stato l'impianto di raffreddamento del mezzo.

I residenti, che si sono riversati in strada subito dopo aver visto la nube nera che si alzava in cielo, parlano di alcuni forti boati (con ogni probabilità i pneumatici che scoppiavano a causa delle fiamme o il serbatoio di carburante). Al termine delle operazioni il pullman non c'era più. Al suo posto una carcassa di lamiere e interni del mezzo che poco prima ospitava più di cinquanta ragazzi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal camion all'autobus, altro mezzo pesante distrutto da un incendio

VeneziaToday è in caricamento