menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Principio d'incendio di un camion all'ingresso della discarica

Provocato da un razzo di segnalazione o dalla batteria al litio di un cellulare gettati tra i rifiuti ingombranti

Questa mattina intorno alle 7 si è verificato un principio di incendio nel cassone di un bilico in attesa di entrare nella discarica di Jesolo per svuotare il carico. Il camion trasportava scarti della lavorazione dei rifiuti ingombranti, avvenuta nell’impianto di Eco-ricicli, a Fusina. Il principio d’incendio è stato certamente causato dallo scoppio di un razzo di segnalazione o dal surriscaldamento della batteria al litio di un telefonino che qualcuno aveva gettato tra i rifiuti ingombranti.

Gli addetti all’impianto si sono accorti che dal cassone del camion usciva un filo di fumo bianco, quindi sono state immediatamente avviate le procedure e i presìdi aziendali antincendio e sono stati avvisati i vigili del fuoco, intervenuti in pochi minuti. I pompieri hanno irrorato il cassone del camion con schiume e sostanze antincendio, poi il mezzo è stato fatto entrare e il carico (una ventina di tonnellate di scarti della lavorazione dei rifiuti ingombranti) scaricato nel piazzale della stazione di travaso. Gli scarti degli ingombranti sono stati ancora bagnati dai vigili del fuoco e in poche minuti il fumo era sparito, tanto che il materiale risultava praticamente integro: bagnato ma non bruciato. «Purtroppo non è la prima volta che razzi di segnalazione o altri materiali pericolosi che qualche idiota getta tra i rifiuti provocano incendi e danni ai mezzi di Veritas, con grave rischio anche per le persone», commentano da Veritas.

Una decina di giorni fa, al Lido di Venezia, un razzo era esploso nel cassone di un camion che stava svuotando i cassonetti del vetro plastica e lattine. Solo la prontezza di spirito dell’autista, che aveva fermato il mezzo e svuotato il carico nel piazzale del Casinò, aveva evitato danni ben maggiori. Un episodio analogo era successo un paio di anni prima nell’isola di Pellestrina. Lo scorso anno un’addetta alla cernita del vetro plastica e lattine nell’impianto della società controllata Eco-ricicli era rimasta ustionata a un braccio dallo scoppio appunto di un razzo: solo le protezioni che indossava le hanno evitato conseguenze molto più serie. Senza dimenticare che proprio lo scoppio di un razzo di segnalazione aveva provocato l’incendio che aveva completamente distrutto il nuovo impianto degli ingombranti della stessa società Ecoprogetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Assegno unico figli 250 euro al mese: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento