Furgone di una ambulante incendiato a Marcon, vendetta?

Il veicolo e la merce che si trovava all'interno sono stati distrutti dal rogo. Origine forse dolosa. Due individui visti scappare subito dopo le fiamme

Dopo mesi di lavoro spesso sotto la pioggia, tutto si sarebbe aspettata tranne che vedere il suo furgone divorato dalle fiamme. Eppure è proprio questo ciò che è capitato martedì sera a una commerciante ambulante di Marcon, che in poco tempo ha visto svanire in una colonna di fumo tutto quello che le serviva per lavorare. E, stando alle prime indagini, la causa potrebbe essere una vendetta.

ATTO DOLOSO – Stando a quanto riportano i quotidiani locali, infatti, il rogo che ha distrutto il mezzo dell'ambulante avrebbe origine dolosa. Alcuni ignoti, approfittando del buio della notte, avrebbero tracciato una lunga scia di benzina lungo l'asfalto, arrivando fino a sotto al motore del furgone. Accesa la “miccia”, i malintenzionati sono fuggiti mentre il fuoco distruggeva completamente il veicolo e la merce al suo interno, danneggiando anche le vicine automobili. Sul posto sono accorsi vicini, vigili del fuoco, carabinieri e lo stesso sindaco Andrea Follini. Il danno per la commerciante si aggirerebbe intorno ai 20mila euro, tra il costo del mezzo e quello degli articoli di pelletteria (borse, cinture, portafogli) che la malcapitata vendeva ai mercati cittadini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DELITTO E CASTIGO – Ora i carabinieri stanno indagando sul caso. Ad aiutarli ci sarebbe solo la segnalazione di un cittadino che, poco dopo il divampare dell'incendio, avrebbe visto due individui allontanarsi velocemente in macchina. In realtà, però, i militari dell'Arma non escludono nemmeno la pista della vendetta: un mese fa la venditrice ambulante aveva infatti colto un ladro con le mani nel sacco durante il mercato settimanale di Mira, e il malvivente le aveva giurato vendetta. Ora per aiutare la donna a rimettersi in piedi si è mossa anche la Confesercenti, che sta facendo il possibile per permettere alla venditrice di riprendere il suo lavoro, cercando anche di fornirle un mezzo usato per raggiungere i mercati di Spinea e Mira.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Noale in lutto, è morto a 29 anni il consigliere comunale Damiano Caravello

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • 17enne insegue i rapinatori e li fa arrestare

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento