Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Marinaio ustionato e uomo in mare Ennesima esercitazione a Venezia

Vigili del fuoco, capitaneria e 118 insieme per un'altra prova di emergenza, questa volta incentrata sull'incendio a bordo di un'imbarcazione da diporto

Continuano le prove generali per i “peggiori scenari possibili” in laguna. Al fine di testare le procedure operative e il coordinamento fra i diversi enti del soccorso si è svolta al largo del Lido di Venezia una nuova esercitazione antincendio. Coordinata dalla sala operativa della capitaneria di Porto di Venezia, in collaborazione con il comando provinciale dei vigili del fuoco e il suem 118 di Mestre l'operazione si è concentrata sul soccorso a un'imbarcazione da diporto. Il natante aveva richiesto assistenza, via radio, per un incendio sviluppatosi nel locale alloggio equipaggio. Le fiamme avevano investito un marinaio che, con ustioni su parte del corpo, era rimasto intrappolato in un locale, mentre una seconda persona, a seguito di un improvviso scoppio, è stata sbalzata in mare.

ARRIVANO I SOCCORSI - Per l'emergenza sono state attivate dalla sala operativa della capitaneria una motovedetta, un battello e una barca veloce dei vigili del fuoco che ha operato per fronteggiare e domare le fiamme, salvando anche il ferito rimasto bloccato in un locale dell'imbarcazione. Prezioso per il buon fine dell'esercitazione, secondo la guardia costiera, il contributo della sala operativa del Suem 118 di Mestre, che ha gestito l'emergenza come fosse reale, verificando effettivamente la disponibilità di idroambulanze, di personale sanitario e concordando con le unità navali della guardia costiera il punto di incontro più idoneo per il trasbordo dei feriti e successivo trasferimento presso le strutture ospedaliere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marinaio ustionato e uomo in mare Ennesima esercitazione a Venezia

VeneziaToday è in caricamento