Cronaca Via Tabina

Incendio Isiata: "Gli esiti delle prime analisi Arpav sull'area non preoccupano"

I risultati del campionamento nella zona circostante il rogo che ha devastato domenica sera un ricovero a San Donà di Piave non presentano livelli di inquinamento allarmanti

ARPAV: "LE PRIME ANALISI NON DESTANO PREOCCUPAZIONI"

Non desterebbero preoccupazioni i risultati delle analisi eseguite dall'Arpav, martedì, nella zona interessata dal devastante incendio che ha interessato un deposito di Isiata, domenica sera a San Donà di Piave. I primi esiti del campionamento effettuati in zona di ricaduta, a circa 50 metri dal luogo dell’accaduto hanno fatto emergere tracce di prodotti tipici della combustione. All’atto del prelievo i livelli di alcuni dei parametri rilevati presentano concentrazioni simili a quelli di una strada trafficata. Ulteriori risultati relativi ai microinquinanti, che necessitano di tempi più lunghi per l’analisi, arriveranno nei prossimi giorni. Nel frattempo rimane il consiglio, a livello precauzionale, di non utilizzare i prodotti degli orti e delle colture dei terreni limitrofi alla zona della deflagrazione.

 

IL ROGO DIVAMPATO DOMENICA SERA IN VIA TABINA

L'incendio è divampato all'interno di un ricovero, in via Tabina, dove erano cusotditi pneumatici e materiali di scarto, intorno alle 21 LEGGI LA NOTIZIA. Non è ancora stata chiarita la dinamica del fatto, che ha richiesto un massiccio dispiegamento dei vigili del fuoco sul posto, per avere ragione delle fiamme. L'Arpav, anche attraverso i social, aveva diffuso messaggi alla cittadinanza consigliando in un primo momento di tenere chiuse le finestre delle abitazioni situate nelle vicinanze. Tra le conseguenze del rogo si è verificata la devastazione di un'abitazione in cui risiedevano una famiglia con tre bambini. Altre le famiglie evacuate, per le quali si sono dovute trovare sistemazioni di emergenza.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio Isiata: "Gli esiti delle prime analisi Arpav sull'area non preoccupano"

VeneziaToday è in caricamento