menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due molotov lanciate nel parco giochi: forse un atto intimidatorio

Le due "bottiglie" sono state gettate nella notte di mercoledì a Caorle, poco dopo la fine di una festa. L'intervento dei vigili del fuoco ha domato l'incendio

Un attentato incendiario che avrebbe potuto provocare seri danni. Come riportano i quotidiani locali, è quanto accaduto mercoledì notte a Caorle, al Lido Altanea, in un villaggio vacanze di via Gabbiadini nel quale poco prima si stava svolgendo un party di fine estate, l'Altanea fest, che aveva raccolto circa un migliaio di persone, tra adulti e bambini.

A scoprire le fiamme sono stati i vigilanti della struttura, quando il rogo si stava già propagando verso l'alto, espandendosi fino ai giochi gonfiabili destinati ai bambini. I vigili del fuoco sono giunti sul posto molto rapidamente, riuscendo a domare le fiamme ed evitando che il rogo diventasse incontrollabile. Dopo la segnalazione, sono arrivati anche i carabinieri di Caorle, a seguito del maresciallo Francesco Lambiase, che hanno eseguito i rilevamenti del caso, rinvenendo le due bottiglie molotov che hanno generato l'incendio.

Pare che gli autori del gesto efferato fossero due: verso le 3 e mezza, infatti, non contenti per aver fallito il colpo, una coppia di individui si sarebbe nuovamente recata nelle vicinanze della struttura, con l'obiettivo di colpire ancora. Il personale in servizio, però, si sarebbe accorto in anticipo della situazione che si stava per generare, e li avrebbe messi in fuga. I militari dell'Arma, che nel frattempo hanno sequestrato le due bottiglie, non escludono che si possa trattare di un atto ritorsivo o intimidatorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento