menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendio in abitazione all'alba a Musile: perde la vita un anziano, intossicata una donna

Il rogo è divampato verso le 6 di domenica in via Damiano Chiesa. Sul posto pompieri, sanitari del 118 e le forze dell'ordine. Purtroppo per un 90enne non c'è stato nulla da fare

Tragedia alle prime luci della mattina di domenica in un'abitazione di Musile di Piave: per cause ancora al vaglio dei carabinieri, poco prima delle 6 è divampato un incendio all'interno di una casa di via Damiano Chiesa. Un anziano di 90 anni, Aldo Garatto, ha perso la vita e una donna classe 1937, sua cognata, è rimasta intossicata, venendo trasportata in ospedale per gli accertamenti del caso. La tragedia nel pieno della notte: la vittima si trovava al piano terra ed è stata sorpresa dal rogo. E' stata trovata a terra, vicino alla porta dell'abitazione. Il corpo in parte attinto dalle fiamme. Con ogni probabilità Garatto, che non era vestito "da notte", si è accorto di ciò che stava accadendo, ma ha purtroppo perso i sensi prima di mettersi in salvo. A lanciare l'allarme un nipote che abita poco distante: ha visto uscire il fumo e le fiamme da una finestra e ha chiamato i pompieri. I tentativi di avvicinarsi per lui sono risultati vani.

Cause: sigaretta o scaldino

Diverse le ipotesi sulle possibili cause che hanno innescato le fiamme: le più accreditate allo stato sarebbero una possibile sigaretta rimasta accesa o un eventuale cortocircuito a uno scaldino. Si esclude ogni possibile origine dolosa. L'anziano sarebbe stato trovato ancora con l'accendino in mano. La donna stava dormendo al piano di sopra, con la porta chiusa: è rimasta intossicata dal fumo ma secondo i vigili del fuoco non verserebbe in gravi condizioni. In ogni caso, per monitorare la situazione passo passo, è stata trasferita in ambulanza all'ospedale di San Donà, dove è stata sottoposta ad accertamenti.

Lungo sopralluogo

Nell'abitazione della tragedia è stato eseguito un lungo sopralluogo: è possibile che il magistrato disponga il sequestro della porzione dell'immobile interessata dal rogo per permettere ulteriori indagini. Sul posto sono intervenute un'autobotte e una squadra del distaccamento dei vigili del fuoco di San Donà. Purtroppo è stato chiaro fin da subito che per l'anziano non c'era nulla da fare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento