menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: incendio allo stabile in via Marghera

Foto: incendio allo stabile in via Marghera

Incendio in uno stabile nella notte: forse acceso un braciere per scaldarsi

Il fatto accaduto intorno a mezzanotte tra sabato e domenica, in via Bottenigo, al secondo piano di uno stabile che doveva essere demolito a Marghera

La notte scorsa, poco dopo la mezzanotte, i vigili del fuoco sono intervenuti tra via Pasini e via Bottenigo a Marghera per l'incendio al secondo piano di una casa in attesa di demolizione. I pompieri accorsi con un'autopompa, un'autobotte e l'autoscala con dieci operatori coadiuvati dal capo servizio, hanno spento le fiamme di materassi, vestiario e masserizie, depositate probabilmente da senza tetto. Nessun ferito.

Ingresso forzato

Le aperture del fabbricato erano state precedentemente chiuse con della reti elettrosaldate, che sono state forzate. Le cause dell'incendio è al vaglio dei vigili del fuoco. Potrebbero essere riconducibili a qualche braciere utilizzato per scaldarsi. Sul posto anche i carabinieri. Le operazioni di soccorso dei vigili del fuoco sono terminate dopo circa un'ora e mezza.

«Attendiamo che venga abbattuto»

Gianfranco Bettin, presidente della municipalità di Marghera spiega: «Da cinque anni, dopo l’ultima demolizione, attendiamo invece che venga abbattuto finalmente anche questo edificio, da tempo rifugio di sbandati e covo di malavitosi, di cui abbiamo ripetutamente segnalato le malefatte (furti, scippi, spaccio ecc.) e i rischi (degrado e, appunto, incendi e altri danni). Intanto, si è persa ogni traccia del progetto “Porta sud” e di qualunque altro piano o intervento di risanamento, mentre l’area in cui quest’ultimo edificio sorge è lasciata al degrado, tra rifiuti abbandonati, vegetazione incolta, presenza di spaccio e prostituzione. Nel sopralluogo che ho svolto questa mattina ho raccolto la preoccupazione dei residenti dei rioni e delle abitazioni nei pressi di quell’edificio e, ringraziando i Vigili del Fuoco che hanno tempestivamente spento il pericoloso incendio, rilancio l’invito all’amministrazione comunale ad abbattere immediatamente l’edificio e a ripensare un progetto di risanamento e rigenerazione dell’area».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento