menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ennesimo incendio in un garage di via dei Tigli, i residenti: "Forse doloso, un avvertimento?"

Non il primo intervento per fiamme notturne in alcuni box in uno stabile di Marghera. Una persona è rimasta intossicata. Gli inquilini sono riusciti a spegnere il rogo con l'estintore

In sé l'incendio è stata poca cosa, e quando sono intervenuti i vigili del fuoco le fiamme erano già state spente da alcuni residenti intervenuti con un estintore. Il problema è che non è il primo caso del genere che si registra in quei box di via dei Tigli a Marghera. Anzi, i pompieri sono stati allertati altre volte (tra i residenti c'è chi dice 3, chi dice 5) sempre per fiamme che all'improvviso hanno interessato alcuni garage ben precisi. Quasi si trattasse di "avvertimenti".

Possibile dolo 

Il sospetto delle forze dell'ordine, quindi, è che anche il piccolo rogo divampato poco dopo la mezzanotte tra venerdì e sabato possa essere di matrice dolosa, anche se non ci sarebbero elementi tangibili per provarlo. In ogni caso l'allarme antincendio ha messo subito in allerta i residenti. Alcuni di loro hanno raggiunto la zona delle autorimesse (ce ne sono alcune decine), hanno individuato da dove proveniva il fumo e sono riusciti ad avere ragione delle fiamme prima dell'arrivo della squadra del Comando dei pompieri di Mestre. 

Un intossicato

Uno degli inquilini ha respirato molto fumo essendosi trovato "in prima linea" con l'estintore e ha chiesto l'intervento dei sanitari del 118. Un'ambulanza ha raggiunto il prima possibile via dei Tigli e gli operatori del Suem si sono presi cura dello sventurato, che faticava a respirare normalmente ma non destava preoccupazione. I rilievi avrebbero indicato come punto d'origine delle fiamme proprio la zona del garage in cui era posizionato il sensore del sistema antincendio. Secondo alcuni inquilini non un caso: forse un "messaggio" più che un atto volto a causare danni. Tanto più che all'interno del garage non c'era granché: sacchi di cemento e qualche pannello in legno. Sul posto per far luce sulla vicenda sono intervenute anche le volanti della polizia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento