rotate-mobile
Cronaca

Gpl e metano, da marzo partono di nuovo gli incentivi per i veneziani

Dal 1 marzo è nuovamente possibile godere dei contributi per l'installazione di impianti a gas nelle proprie auto private o nei veicoli commerciali. Necessario prenotarsi nelle officine aderenti

Con l'inizio di marzo, sia per i privati cittadini che per le imprese residenti nel Comune di Venezia, è nuovamente possibile godere degli incentivi per l'installazione di impianti a metano o gpl nelle proprie auto private o aziendali a benzina Euro 2 o Euro 3. Ritorna infatti l'iniziativa "Carburanti a Basso Impatto" (Icbi), la convenzione firmata nel 2001 col ministero dell'Ambiente da una quindicina di Comuni italiani, tra cui, appunto, quello lagunare.

Il contributo è di 500 euro (150 di sconto per l'installatore e 350 per il gpl) se nelle vetture sarà montato un impianto di alimentazione a gas e di 650 euro (150 per l'installatore e 500 per il carburante) se a metano. Per ottenerlo i cittadini devono prenotare la trasformazione a gpl o metano in un'officina aderente all'iniziativa che, dopo aver verificato la disponibilità dei fondi, comunicherà quando potrà eseguire l'installazione.


Icbi prevede quest'anno anche un progetto pilota per la conversione dei motori diesel in propulsori alimentati contemporaneamente a gasolio e a gas per i veicoli commerciali. Gli incentivi non saranno cumulabili con altri contributi statali. La data del documento fiscale (fattura o ricevuta fiscale) comprovante la trasformazione a gas e l'applicazione dell'incentivo, l'autocertificazione del beneficiario e il collaudo del veicolo devono essere successive alla data di apertura delle prenotazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gpl e metano, da marzo partono di nuovo gli incentivi per i veneziani

VeneziaToday è in caricamento