menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non imparano mai: retata per corruzione, in arresto finanzieri e dirigenti delle Entrate

Quattordici tra imprenditori e funzionari pubblici in carcere, 2 ai domiciliari. Accertati almeno 6 episodi illegali. Regali e assunzioni per ammorbidire di milioni il debito con l'erario

Addetti alla riscossione delle tasse pagati dagli imprenditori per "sgonfiare" gli importi delle imposte dovute. Funzionari pubblici corrotti per favorire titolari d'impresa, un calderone da cui tutti riuscivano a trarre il proprio vantaggio. Gli imprenditori nei guai sono 6, 3 i funzionari dell'Agenzia delle Entrate, 2 i commercialisti, 2 gli ufficiali della guardia di finanza, un appartenente alla commissione tributaria regionale per il Veneto e 2 dirigenti di una compagnia assicuratrice veronese: è il variegato panorama degli arrestati nell'operazione sfociata nel blitz di venerdì, eseguito dal Nucleo di polizia tributaria di Venezia. Eseguite 14 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 2 ai domiciliari (i figli di un imprenditore di Jesolo) emesse dal Gip del tribunale di Venezia su richiesta della Procura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE ACCUSE DELLA PROCURA - Tutti, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, "coinvolti con diversi ruoli in fatti di corruzione commessi al fine di sgonfiare gli importi delle imposte da pagare da parte di imprese già sottoposte a verifiche fiscali". L'indagine - iniziata nell'estate del 2015 - è definita "la più grossa in tema di corruzione dopo il Mose in Veneto", e non a caso ha avuto origine da un filone collaterale del sistema di corruzione legato alle paratoie mobili, nella quale erano emersi "comportamenti sospetti tenuti da un dirigente dell’amministrazione finanziaria".

IL PRIMO EPISODIO - Il primo episodio riscontrato consiste in un patto corruttivo tra un imprenditore jesolano di 66 anni, A.B., ora in carcere a Pavia, e un dirigente dell’Agenzie delle Entrate, E.B., 63 anni di Calalzo di Cadore, che, trasferito in un'altra regione dopo i contatti preliminari (è diventato direttore dell'Agenzia delle entrate della provincia di Pesaro-Urbino), si è avvalso del suo pari grado in servizio a Venezia, M.E., 65enne residente al Lido di Venezia, con cui c'erano buoni rapporti, per rispettare gli accordi illegali pattuiti. Sono state raccolte fonti di prova relative alla corresponsione di tangenti per un totale  di 140mila euro, in varie tranche tra il settembre 2016 e il maggio 2017; in cambio, i due funzionari si sono adoperati per ridurre di circa l’80% le imposte dovute da tre società edili, con sede in provincia di Venezia, riconducibili all’imprenditore, che erano state sottoposte a verifica fiscale da altri funzionari della stessa Agenzia, passando così da 41 milioni di euro dell’originaria pretesa di gettito a poco più di 8 milioni di euro effettivamente pagati.

Inoltre, l’imprenditore ha ottenuto che venisse ritardata la notifica di altri avvisi di accertamento per debiti tributari, in modo da poter chiedere rimborsi Iva, ammontanti a 600mila euro, che altrimenti non avrebbe potuto legittimamente ottenere. Nelle vicende sono risultati partecipi, con ruoli attivi, anche i familiari dell’imprenditore (moglie e due figli, incaricati da quest'ultimo di mantenere i rapporti con i pubblici ufficiali corrotti). I figli si trovano ai domiciliari, sono gli unici non in carcere dall'inizio dell'operazione.

CORRUZIONE ANCHE A CHIOGGIA - Un altro episodio viene contestato invece a Chioggia: gli stessi due funzionari si erano accordati, secondo l'accusa, con un commercialista della città clodiense, A.S., 63enne del posto, per ricevere 50mila euro in cambio della promessa di “accomodare” un accertamento tributario nei confronti di una ditta del posto, specializzata in costruzioni marittime e idrauliche. Si sarebbero accordati per favorire l'emissione di avvisi di accertamento a condizioni più favorevoli per il contribuente, con riduzione dell'imposta pretesa e delle relative sanzioni e interessi. L'intento sarebbe stato anche di pilotare a favore delle società gli accertamenti tributari dell'Agenzia delle Entrate. I due funzionari dell'Agenzia delle entrate avrebbero accettato la promessa della consegna di denaro di somme non definite, ma comunque superiori a 50mila euro. La cifra sarebbe stata "stipulata" dopo la redazione effettiva delle pratiche.

GLI ALTRI EPISODI - Ulteriore vicenda simile, sempre con lo scopo di ridimensionare l’esito di verifiche, ha visto coinvolti il Nucleo di polizia tributaria di Venezia, una società immobiliare e un’azienda di trasporti di Venezia. I due titolari delle imprese ispezionate, P.B. e P.T. (sono amministratori di fatto di 3 realtà societarie lagunari) avrebbero corrotto un ufficiale della guardia di finanza (si tratta di un tenente colonnello in servizio al Comando regionale Veneto, V.C., 52enne trevigiano) e un funzionario dell’Agenzia delle Entrate, già capo del settore controlli e riscossione fino al 31 gennaio 2016 e poi capo ufficio "Grandi Contribuenti" della Direzione regionale del Veneto. Si tratta di C.D., 48enne di Monfalcone.

Fondamentale l’intermediazione di una commercialista trevigiana, T.M., 54enne. L’ufficiale, in cambio di denaro e beni di lusso per un valore di 40mila euro, avrebbe fatto da “ponte” verso il funzionario dell’Agenzie delle Entrate, e, con il proprio interessamento, supportato dalla commercialista, avebbe reso possibile la riduzione di oltre il 70% dell’importo del debito complessivo delle aziende verificate, passato da 13 milioni di euro a 3,7. Erano stati promessi altri 30mila euro e ci sarebbe stata anche la consegna di alcuni orologi di valore, oltre che la possibilità di future assunzioni nelle società del gruppo oggetto degli accertamenti.

TERZO CASO - La terza vicenda si ricollega a verifiche fiscali effettuate dall’Agenzie delle Entrate nei confronti di un’impresa assicuratrice veronese. Risultano coinvolti l’ufficiale del Corpo ed il funzionario dell’Agenzia delle Entrate già citati, nonché due dirigenti dell’azienda assicurativa, A.Z. e G.M., rispettivamente un 70enne scaligero e un 61enne torinee, e C.R., 69enne di Verona, ex giudice di pace del capoluogo scaligero, in carica fino a luglio 2016, e giudice della Commissione tributaria regionale del Veneto, con sede a Venezia. Quest'ultimo avrebbe svolto le funzioni di mediatore tra funzionari e imprenditori. I pubblici ufficiali, secondo l'accusa, hanno ricevuto oggetti preziosi del valore di 20mila euro (ossia due Rolex), a febbraio e marzo 2017, e in cambio hanno fatto sì che il debito erariale, per imposte e sanzioni da pagare, scendesse da 8,8 milioni a poco più di 2,6.

ASSUNZIONI IN CAMBIO DELLO SCONTO - Ci sarebbe stata anche la promessa di assunzione da parte della società assicurativa nei confronti del tenente colonnello della guardia di finanza, oltre che della compagna del funzionario dell'Agenzia delle entrate, con livello "almeno dirigenziale". Il tutto per la donna si è tradotto con una proposta d'assunzione per uno stipendio annuo di 90mila euro. Un'ipotesi che non è stata però accettata. Come "piano B" ci sarebbe stata la promessa di future consulenze dal valore consistente. Sarebbe arrivata anche la promessa da parte dei dirigenti di assumere un amico comune sia dell'ex giudice di pace scaligero, sia del militare della guardia di finanza. Ora in carcere.

CORRUZIONE ANCHE A UDINE, FINANZIERE COINVOLTO. ANCHE QUI ASSUNZIONI "DI COMODO" - Un ultimo episodio corruttivo riguarda l’"accomodamento” di un controllo fiscale, eseguito tra il novembre 2015 e il febbraio 2016, nei confronti di un’impresa industriale della provincia di Udine, con sede a Buttrio, specializzata in sistemi di pesatura industriale; in questo caso, l’ufficiale in servizio a Venezia, C.V., si sarebbe rivolto ad un altro ufficiale che a quel tempo dirigeva l’attività di verifica (il tenente colonnello in servizio al nucleo di polizia tributaria di Udine come comandante del Gruppo di tutela di Finanza pubblica, M.N., 46enne originario di Siracusa) convincendolo a non approfondire troppo l’ispezione contabile. In cambio, l’imprenditore friulano, P.S., 67enne di Manzano (Udine), avrebbe assunto alle dipendenze il figlio del primo ufficiale e ha offerto altri regali, come cene in ristoranti di lusso. Oltre agli arresti, il Gip ha disposto il sequestro, in capo agli indagati, delle somme oggetto delle pattuizioni corruttive, per un importo totale di 440mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento