menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Precipita sistemando un impianto: volo di quattro metri per un 30enne di Stra

L'incidente sul lavoro è accaduto venerdì in un negozio di Piove di Sacco. Il giovane operaio veneziano non sarebbe in pericolo di vita

Precipita sistemando l'impianto di un cliente: un volo di quattro metri per un giovane tecnico veneziano, che non sarebbe in pericolo di vita. L'infortunio sul lavoro è accaduto venerdì in un negozio di Piove di Sacco. L'operario trentenne è un addetto alla manutenzione della linea telefonica. Immediatamente soccorso è stato ricoverato con fratture.

Il fatto

Il giovane si trovava nel piovese su mandato della ditta. Alle 10.30 stava lavorando con l'ausilio di una scala sull'impianto di un'ortofrutta in via Garibaldi. All'improvviso ha perso l'equilibrio, schiantandosi da un'altezza di circa quattro metri. A soccorrerlo per primo è stato il titolare del negozio, che ha immediatamente chiamato i soccorsi permettendo ai paramedici di arrivare sul posto in pochi minuti. Stabilizzato, il 30enne è stato trasferito all'ospedale di Piove di Sacco dove si trova ricoverato. Il tremendo volo gli ha causato la frattura di entrambe le gambe e diverse altre contusioni. Non è in pericolo di vita, anche se al momento i medici si riservano la prognosi.

I rilievi

Sul luogo dell'incidente sono arrivati anche i carabinieri del Nucleo radiomobile e lo Spisal (Servizio di salute, igiene e prevenzione) della Ulss 6. A loro il compito di certificare la causa dell'infortunio, verificando se si sia trattato di un errore umano e se le norme di sicurezza siano state rispettate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento