menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scivola dalla scala e batte la testa sul pavimento, grave operaio edile

L'incidente sul lavoro lunedì pomeriggio in via Moranzani a Malcontenta di Mira. L'infortunato è in prognosi riservata all'ospedale Dell'Angelo

Perde l'equilibrio mentre stava lavorando su una scala e batte la testa a terra. Grave incidente sul lavoro nel tardo pomeriggio di lunedì nel territorio di Malcontenta di Mira. Un operaio di nazionalità bosniaca di 47 anni si trova in prognosi riservata nel reparto di neurologia dell'ospedale Dell'Angelo di Mestre dopo un volo di pochi metri, ma che comunque ha avuto pesanti ripercussioni. Il lavoratore, assieme ad altri colleghi, era intento a ristrutturare l'interno di un edificio di via Moranzani quando verso le 18 a sbattuto la testa sul pavimento.

Da subito anche agli altri operai, dipendenti di una ditta edile specializzata con sede legale a Genova, è stato chiaro che la situazione era molto grave. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, che hanno caricato a bordo di un'ambulanza l'infortunato e l'hanno trasportato al nosocomio mestrino in codice rosso, ricoverandolo in neurologia. Nella serata di lunedì veniva considerato in pericolo di vita, dopodiché pare, ma il condizionale è d'obbligo, che il quadro clinico sia in parte migliorato. Ma servirà del tempo affinché il quadro clinico si stabilizzi e la situazione si faccia più chiara.

Da prassi all'interno dell'abitazione in ristrutturazione sono intervenuti anche gli ispettori dello Spisal, che hanno il compito di ricostruire a dinamica dell'incidente sul lavoro, stabilendo se siano state rispettate comunque tutte le norme sulla sicurezza. Dai primi rilievi, però, parrebbe che si sia trattato di una disgrazia dettata da un semplice errore umano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento