Incidenti stradali

Soccorre l'anziana per strada, il giorno dopo ammette: «L'ho investita io»

È successo il 17 ottobre a Dolo. L’automobilista, 34 anni, del posto, si è assunto le sue responsabilità. È indagato per lesioni colpose gravi

Un uomo che inizialmente si era presentato come soccorritore era in realtà l'investitore. La verità è emersa il mattino seguente, quando lui stesso ha deciso di assumersi le sue responsabilità e raccontare l'accaduto. A quel punto è stato indagato per lesioni stradali colpose gravi. La vittima, una 83enne, è viva ma ha riportato traumi pesanti e ne avrà per dei mesi.

Anziana nel fosso con la bici

L'incidente è avvenuto verso le 18.45 del 17 ottobre in via Badoera a Dolo, mentre il verbale è stato acquisito in questi giorni da Studio 3A, società specializzata in risarcimenti che assiste la danneggiata. Secondo quanto ricostruito, gli agenti della polizia locale arrivati sul posto avevano trovato l'anziana riversa nel fossato che costeggia la strada, ferita e con accanto la sua bici. Tra i presenti anche il 34enne A. F., il quale appunto affermava di essere stato il primo a soccorrere l’anziana.

Indagini

Lo stesso A. F. si è presentato l'indomani mattina al comando della polizia locale raccontando una versione diversa dei fatti e mostrando la sua vettura con i danni inequivocabili dell'investimento. Ha spiegato di aver sentito un forte botto e di aver pensato che gli avessero lanciato contro un sasso, quindi di aver parcheggiato la macchina nell'azienda di famiglia e poi essere tornato sul luogo trovando l’anziana nel fossato. Di conseguenza non gli viene contestata l'omissione di soccorso. I familiari, per fare luce sull'episodio, si sono affidati a Studio 3A. La compagnia di assicurazione per ora non ha risarcito, in attesa che sia chiarita completamente la responsabilità del conducente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soccorre l'anziana per strada, il giorno dopo ammette: «L'ho investita io»

VeneziaToday è in caricamento