menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il furgone distrutto dopo l'incidente (vigili del fuoco)

Il furgone distrutto dopo l'incidente (vigili del fuoco)

Grave incidente in A4 a San Stino: Bmw contro furgone, un morto

Code martedì all'altezza del casello autostradale. Lo schianto in direzione Trieste alle 5.20. Deceduto il passeggero di un Citroen Jumper

Tragico incidente stradale all'alba di martedì in autostrada, all'altezza del casello di San Stino di Livenza. Pochi minuti dopo le 5, infatti, una Bmw X6, per cause ancora al vaglio della polizia stradale, ha tamponato violentemente un furgone Citroen Jumper con targa romena che si trovava in corsia di sorpasso. A bordo due passeggeri, zio e nipote. Ad avere la peggio è stato proprio il più giovane dei due, che si trovava seduto sul sedile del passeggero del veicolo.

Il giovane, Florin Cazac, 26 anni, ha purtroppo perso la vita. Non aveva documenti con sé e il parente, rimasto ferito in modo lieve e portato in ospedale per accertamenti, nelle ore successive al sinistro era ancora sotto shock. Lo schianto in direzione Trieste, a poca distanza dal casello di entrata di San Stino. Con ogni probabilità a metterci lo zampino è stato anche l'asfalto bagnato, visto e considerato che all'ora dell'incidente cadeva una pioggia battente.

Il furgone, dopo l'urto causato dalla Bmw sopraggiunta si presume ad alta velocità in corsia di sorpasso, è diventato ingovernabile. Prima si è schiantato contro il new-jersey centrale, poi ha finito la propria corsa sotto il guard-rail di destra e contro il pilone di un cavalcavia. Un urto devastante. Inevitabili i disagi alla viabilità almeno fino alle 9 di mattina. Per consentire ai soccorritori di liberare la carreggiata dai detriti dell'incidente e ai tecnici di Autovie Venete di sostituire il guard-rail danneggiato, infatti, è stata chiusa al transito una corsia di marcia. Gli incolonnamenti non hanno comunque mai superato i tre chilometri.

Illesi i tre passeggeri a bordo della Bmw, con targa svizzera. Si tratta di due uomini e una donna di nazionalità croata che martedì mattina si trovavano nella sede della polizia stradale di San Donà per fornire la propria versione dei fatti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento