menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
A destra Matteo Ratto, la vittima

A destra Matteo Ratto, la vittima

Incidente a Calcroci, motociclista si schianta contro muretto, muore

La tragedia verso le 19 di sabato a Camponogara. Il 22enne ha perso la vita sul colpo. Inutili i prolungati tentativi di rianimarlo dei sanitari 118

Tragico incidente stradale verso le 19 di sabato a Calcroci, nel territorio di Camponogara. Un motociclista di 22 anni, Matteo Ratto, residente a Malcontenta di Mira, ha perso la vita dopo aver perso il controllo della moto su cui sui ci si trovava finendo contro la propria corsa contro un muretto du un'abitazione. Troppo gravi i traumi riportati nello schianto, che non ha lasciato scampo al centauro. Sul posto infatti si sono rivelati inutili i soccorsi non solo dell'ambulanza, ma anche dell'elicottero del 118, intervenuto d'urgenza in via Volta, una delle strade principali della zona, per garantire la possibilità di un trasferimento d'urgenza nel caso in cui il ferito fosse stato rianimato.

Purtroppo, però, nonostante gli sforzi, non c'è stato alcun lieto fine. Il giovane motociclista, grande appassionato di motori, ha perso la vita. Le prolungate operazioni di soccorso si sono rivelate vane. L'elicottero è quindi ripartito vuoto, mentre una delle persone presenti, una zia, non ha retto al dolore: ha avuto un malore. L'ambulanza, che era ripartita, è quindi tornata sul posto per prendersi cura di chi ora deve piangere la perdita di un famigliare. A pochi metri la salma del proprio caro, ruzzolato alcuni metri più avanti rispetto al punto dell'impatto. Sul posto per gestire la viabilità, andata inevitabilmente in difficoltà, e per ricostruire la dinamica dell'accaduto le forze dell'ordine. A quanto pare si tratterebbe di una maledetta fuoriuscita autonoma del motociclista, che non avrebbe quindi coinvolto altri veicoli.

Matteo Ratto era molto conosciuto nel suo paese di residenza per il suo amore non solo per le motociclette, sia da cross che da strada, ma anche per la pesca. Sempre sorridente ed energico, aveva anche molta costanza nel praticare sport. Tanto da poter contare su un fisico piuttosto atletico. Numerose le sue scorribande a bordo di un barchino che condivideva con i propri amici. Il giovane lascia nel dolore i propri genitori e il resto della sua famiglia, oltre che la fidanzata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento